8@31

Pulizia Vallone di Rovito

vallone di rovito

vallone di rovitoRovito (Cs). Squadre al lavoro questa mattina per ripulire la zona del Vallone di Rovito, uno dei punti più critici del territorio cittadino, fatto spesso oggetto di atti vandalici, nella parte monumentale, e preso di mira da quanti abusivamente vi scaricano materiali di ogni tipo. L’Amministrazione comunale che, anche in virtù di una serie di collaborazioni, ha programmato e sta attuando dall’inizio della stagione estiva una serie di interventi di riqualificazione ambientale, è intervenuta, sul Vallone di Rovito con le maestranze di Ecologia Oggi che hanno provveduto alla rimozione del gran numero di detriti depositati, bonificando la zona. “Abbiamo individuato, con Ecologia Oggi, i punti di maggiore criticità del territorio cittadino, quelli che per logistica e per perifericità sono maggiormente aggredibili da quanti evidentemente non hanno per nulla rispetto della propria città”. Così l’assessore alla qualità della vita Carmine Manna che questa mattina ha seguito personalmente i lavori di bonifica, nel corso dei quali è stata tra l’altro rinvenuta la presenza di eternit, subito messo in sicurezza e segnalato per la rimozione.“C’è un evidente problema di tutela dell’accessibilità di questi luoghi ai malintenzionati. Con il Sindaco Occhiuto abbiamo già concordato il ripristino dell’impianto di illuminazione, così come l’installazione della segnaletica che vieta lo scarico abusivo con l’applicazione della sanzione massima, e ci adopereremo anche per l’attivazione di un servizio di controllo, soprattutto in orario notturno”. Fin qui quanto l’Amministrazione comunale può fare. “Non può mancare – conclude Carmine Manna – un appello ai cittadini. Io conto molto sul sostegno dei cosiddetti comitati di quartiere e ringrazio nello specifico quello del Vallone di Rovito. Riconosco loro un ruolo civico di fondamentale importanza e volentieri ne accolgo le segnalazioni, soprattutto quando vi riconosco, non la denuncia fine a se stessa o il semplice puntare il dito contro la pubblica amministrazione, ma quel sentimento di appartenenza alla città che deve accomunare amministratori e amministrati indirizzando la loro azione verso la tutela del bene pubblico”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top