8@31

Antoniotti in Prefettura per chiedere il reinserimento dell’Art.8 della legge 101/2013

1423947_300ROSSANO (CS) – Stamani il sindaco Giuseppe Antoniotti ha preso parte all’incontro straordinario, chiesto con urgenza proprio dal Primo cittadino nella giornata di ieri, tenutosi in Prefettura a Cosenza per discutere della grave vertenza lavorativa degli ex operatori socialmente utili e della pubblica utilità che nelle prossime ore potrebbe tramutarsi in stato di agitazione, con conseguenze drammatiche sia sul piano dell’ordine pubblico che nel sistema di erogazione dei servizi. All’incontro hanno partecipato anche l’assessore agli Affari generali Rodolfo Alfieri, le rappresentanze sindacali e una nutrita delegazione di sindaci e amministratori dei comuni del comprensorio provinciale, tra i quali Castrovillari, San Giovanni in Fiore, Crosia, Trebisacce, Cassano all’Jonio e Cariati.

“Abbiamo manifestato al Prefetto – dichiara Antoniotti – seria preoccupazione per come si sta delineando la vicenda dei precari contrattualizzati. Pensavamo che, dopo le lunghe ed estenuanti trattative dell’autunno scorso, si fosse giunti a una soluzione, seppur non definitiva, di una vicenda che va avanti da circa 20 anni. Così non è stato. E siamo ancora più rammaricati di prima perché il cavillo legislativo, che rischia di mettere a repentaglio il futuro lavorativo di circa 5mila calabresi impiegati perlopiù negli organici degli enti locali, è nato da un capriccio politico del Governo Renzi. È chiaro ed è palese. Perché in altre regioni dove ci sono precari contrattualizzati con la legge 101/2013 non si è verificata la manfrina toccata alla Calabria? Si continua a mortificare questa regione probabilmente perché il Primo ministro qui non ha coinvolgimenti diretti. O meglio, ha probabilmente interessi affinché la Calabria subisca le peggiori mortificazioni e i peggiori soprusi. Lo abbiamo visto con la questione giustizia e stiamo subendo tutt’ora le scelte infauste e distruttive assunte dal governo nella vicenda delle trivellazioni nel mar Jonio per la ricerca di idrocarburi e, non ultimo, in questa paradossale vertenza dei precari. A nome dei colleghi sindaci – prosegue il Primo cittadino – ho manifestato al Prefetto grande preoccupazione, perché dall’accavallarsi di tutti questi problemi potrebbe scaturire la protesta vibrata dei cittadini, con conseguenti drammatiche sul piano dell’ordine pubblico. La misura è colma e se già noi amministratori e rappresentanti delle Istituzioni abbiamo serie difficoltà a mantenere i nervi saldi di fronte a questo modo di governare, è facile immaginare che la pazienza dei cittadini ha oltrepassato ogni limite. Ma in questa situazione di abbandono amministrativo, purtroppo – aggiunge Antoniotti – dobbiamo registrare anche la latitanza dei nostri rappresentati parlamentari. Totalmente assenti nella difesa dei diritti e delle giuste rivendicazioni dei cittadini calabresi. Dove sono senatori e deputati a parte che sulle solite passerelle? Perché – conclude il Sindaco – dobbiamo continuare a essere costretti a rivolgerci ai potentati politici di turno per vederci riconosciuti i nostri diritti?”

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com