8@31

Antoniotti nell’assemblea dei Sindaci a Lamezia: le priorità della Sibaritide

Lamezia-TermeLAMEZIA TERME (CZ) – Il discorso del Sindaco Antoniotti, che ha partecipato all’assemblea degli amministratori locali, convocata dal Presidente Oliverio, tenutasi ieri (lunedì, 13 luglio) presso il centro Agroalimentare di Lamezia Terme, è stato breve e conciso, permeante e incalzante rispetto ai problemi della Calabria e apprezzato dallo stesso Governatore, che lo ha ricordato più volte nel corso del suo intervento conclusivo. Diverse le tematiche analizzate da Antoniotti. A partire dalla gestione della rete delle acque. “Quello della Sorical – ha detto il Sindaco – è un problema grave. Già in passato si sarebbero dovuti approntare degli investimenti per migliorare e qualificare il servizio. Quello offerto dalla Sorical, a fronte di un impegno economico dei comuni importante, è in definitiva un servizio totalmente inefficiente considerato che puntualmente, soprattutto d’estate e con temperature torride, si lasciano i cittadini senz’acqua.” Ma è stato sui temi dell’ambiente, della mobilità e della sanità che Antoniotti ha incalzato Oliverio. “Sul problema rifiuti – ha precisato il Primo cittadino – sono pronto a scontrarmi con chiunque se non si tutelano la salute e i sacrifici dei cittadini. L’ho fatto con Scopelliti e non esiterò eventualmente a farlo in futuro. Nei mesi scorsi, anche facendomi portavoce di altri colleghi sindaci della Sibaritide, ho chiesto al Governo regionale di congelare le tariffe per lo smaltimento dei rifiuti in discarica. Così, purtroppo, non è stato e Rossano ha subìto un aumento spropositato, di 700mila euro, per lo smaltimento. Speriamo almeno di non dover far fronte ad altre e non più tollerabili emergenze. Si fa un gran parlare – ha poi aggiunto il Sindaco – della metropolitana Cosenza-Rende e Catanzaro-Catanzaro lido, ma non si parla più della metro leggera Sibari-Crotone. La Regione non dimentichi questa opera strategica. Essenziale per collegare lo Jonio cosentino, attraverso l’aeroporto Sant’Anna, al resto d’Europa. In un territorio, come la Sibaritide, dove il diritto alla mobilità è praticamente negato ai cittadini, bisogna adottare scelte forti. Si parta dal finanziamento, attraverso i fondi Por non utilizzati, della metropolitana leggera, che può essere realizzata in tempi brevissimi. Ma si faccia concreta pressione sul governo centrale e sull’Anas affinché rispolverino il progetto di ammodernamento della statale 106 per i megalotti 8 e 9 Sibari-Crotone. Non è più possibile che l’economia di un territorio di oltre 200mila abitanti cammini ancora su una strada che è la più pericolosa d’Europa. Riguardo ai problemi della Sanità – ha scandito Antoniotti – il nostro unico interlocutore è il presidente della Regione. Nei giorni scorsi abbiamo avuto rassicurazioni sulla realizzazione del nuovo ospedale, ma sappiamo che i tempi per portare alla luce questa opera saranno ancora lunghi. Il servizio sanitario deve essere riorganizzato in base alle reali esigenze dell’utenza senza giochi politici o di campanile. Dobbiamo spronare il commissario Scura affinché faccia questo e lo faccia subito. Ma per far sì che il cammino sia virtuoso – ha ricordato in conclusione Antoniotti – serve riorganizzare la burocrazia. La stessa che ha affossato tutti i presidenti che si sono susseguiti alla guida della Regione Calabria. Bisogna snellire la burocrazia e le lungaggini amministrative che altrimenti finiranno per far affondare la Calabria.”

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com