8@31

Primo brindisi in campionato per il Città di Cosenza

Città di Cosenza – Nuoto Club Milano 6-5 

(2-0, 2-2, 1-2, 1-1)

Città di Cosenza: Gorlero, Citino, Greco, De Mari, Motta S., De Cuia 2, Kuzina 2, Nicolai, Di Claudio, Presta, Motta R. 2, Nisticò, Sena. All. Capanna.

N.C. Milano: Nigro, Apilongo 1, Crudele, Gitto 1, Ranalli 1, Fisco 1, Menczinger 1, Zerbone, Cordaro, Crevier, Magni, Repetto, Rosanna. All. Diblasio.

Arbitri: Castagnola e Petronilli.

Superiorità numeriche: Città di Cosenza 0/7, N.C. Milano 1/5.

Note: Nessuna giocatrice uscita per limite falli. Spettatori 250 circa.

La gara

Prima gioia in campionato per il Città di Cosenza, che trionfa davanti ad una bella cornice di pubblico contro Milano. Un 6-5, quello maturato oggi pomeriggio contro le lombarde, che è frutto di un match portato a casa con meriti e caparbietà, contro una squadra che ha fatto la sua onesta partita. Le ragazze di Capanna hanno quindi invertito la rotta, giocando con mestiere, iniziando bene e imponendo il proprio ritmo. Il resto lo ha fatto Capanna che ha cambiato poco dando molto minutaggio alle giocatrici più in forma, ma anche le sue ragazze, quadrate in difesa e sempre in partita. La cronaca: Gara in discesa e Cosenza avanti con Roberta Motta dopo pochi secondi. Kuzina fa 2-0 e chiude il primo tempo, in un match in cui La squadra di casa sembra poter dominare. Le conferme arrivano quando al rientro in vasca De Cuia trova una palomba che supera la ex Nigro con Milano incapace di trovare il bersaglio grosso per più di 12 minuti di gioco. A svegliare le lombarde però ci pensa Gitto, che accorcia le distanze e propizia la rete di Ranalli. Cosenza però risponde e Kuzina manda le squadre al riposo lungo sul 4-2. Al rientro in vasca Milano si accende, e con Fisco e Menczinger trova il pari. Cosenza traballa ma non crolla e un’altra palomba di una De Cuia in gran giornata trafigge Nigro. Si va al quarto con Cosenza avanti di un gol  e ancora Roberta Motta allunga. Resta il tempo per la rete di Apilongo e per un finale gestito con grande personalità da Cosenza. Ottima la prova difensiva delle ragazze del presidente Manna, che riscoprono una Di Claudio positiva, una De Cuia incisiva e una Gorlero che ha fatto la differenza tra i pali. Bene però anche le sorelle Motta, la russa Kuzina e Citino.

L’analisi di coach Capanna

Prova di carattere quindi di una squadra che Capanna ha rivoluzionato, lasciando in panchina a lungo alcune giocatrici e per larghi tratti in vasca le sue pedine migliori. La vittoria premia le sue scelte. «Io ho una idea di gioco – afferma il tecnico – ed è normale premiare chi la sposa mostrando sacrificio, tenacia e voglia di vincere. Oggi ho visto una squadra compatta, brava nella gestione e sempre in partita. Nei momenti delicati le ragazze hanno tirato fuori gli artigli, mostrando qualità nella fase difensiva e rimediando al blackout del terzo tempo. Possiamo migliorare molto quando attacchiamo la porta e in altre situazioni di gioco, ma le percentuali rispetto all’inizio del campionato sono migliorate e quando questo accade le vittorie arrivano». 

Print Friendly, PDF & Email





To Top