8@31

Le prestazioni sanitarie da eseguire presso l’ ospedale “Pugliese-Ciaccio”di nuovo prenotabili presso gli sportelli cat@hospital

ospedale_pugliese-ciaccio

CATANZARO – Le prestazioni sanitarie da eseguire presso le strutture dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro saranno nuovamente prenotabili attraverso gli sportelli CAT@hospital attivati presso i punti i-Giò e presso i Comuni. Per volontà del direttore generale, Elga Rizzo, l’Azienda Ospedaliera ha deciso di proseguire nell’utilizzo del servizio fornito gratuitamente, da oltre 10 anni, dalla Provincia di Catanzaro, ritenuto adeguato ai requisiti richiesti da disposizioni commissariali. Il CAT@hospital continuerà pertanto a svolgere la sua funzione di CUP integrato provinciale, consentendo ai cittadini di rivolgersi presso un unico sportello nel quale verificare la disponibilità delle prestazioni sanitarie offerte sia dall’ospedale che dalle strutture dell’Azienda sanitaria provinciale, per scegliere e prenotare quelle più adeguate. “La Provincia di Catanzaro – spiega il Commissario straordinario della Provincia di Catanzaro Wanda Ferro – da oltre dieci anni, con proprio personale e proprie risorse, mantiene un servizio che, pur non rientrando nelle proprie competenze specifiche, è ritenuto di grande utilità per i cittadini, soprattutto per gli anziani e coloro che hanno maggiori difficoltà a rivolgersi direttamente alle strutture sanitarie e ospedaliere per prenotare prestazioni strumentali, ambulatoriali e specialistiche”.
“Verificato che il CAT@hospital risponde in maniera adeguata ai requisiti richiesti dalle nuove disposizioni commissariali – commenta il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Elga Rizzo – abbiamo deciso di continuare ad utilizzare il CUP della Provincia di Catanzaro, che ci consente una gestione ottimale delle attività ambulatoriali aziendali, ed offre il valore aggiunto di dare all’utenza di tutto il territorio un servizio integrato per la prenotazione di prestazioni sanitarie offerte nelle strutture ospedaliere e in quelle dell’Asp”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top