8@31

Molinaro titubante sul progetto di Gentile

CATANZARO – “Il nuovo piano di interventi strutturali per 640 milioni di Euro per la difesa dal rischio idrogeologico annunciato dall’ assessore regionale alle Infrastrutture-Lavori Pubblici e Tutela delle acque Giuseppe Gentile e che ha visto all’ opera l’Autorità Regionale di Bacino e il Dipartimento è sicuramente una ottima notizia- commenta Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria – perché, si mette mano in via preventiva e non emergenziale alla riduzione del rischio idrogeologico. Si può – prosegue –realmente cambiare la situazione del territorio calabrese ma – sottolinea – c’è un ma al pur ambizioso piano: manca un reale coinvolgimento dei Consorzi di Bonifica calabresi, che hanno competenze e operano, in regime di sussidiarietà, per le funzioni ad essi assegnate, in oltre 300 comuni e su una superficie di 1.143.539 ettari (i 3/4 della superficie regionale) svolgendo un qualificato servizio all’ agricoltura, al territorio, ai cittadini in stretto rapporto con i sindaci. L’azione di prevenzione che i Consorzi svolgono, con le sole risorse provenienti dai consorziati, contribuisce a mitigare frane, alluvioni e allagamenti ed è innaturale che gli Enti Consortili, non vengano coinvolti nel nuovo piano. Tra l’altro, con l’Autorità Regionale di Bacino,- continua – esiste un proficuo rapporto che si è concretizzato con la partecipazione tecnica, al più alto livello, in svariate occasioni, ultima la conferenza organizzativa dell’Unione regionale delle Bonifiche Calabria alla presenza dei vertici nazionale dell’ANBI. Tra l’altro, attuando una metodologia sbagliata, ancora rimangono quasi inutilizzati i 220 milioni di €uro dell’accordo tra ministero Ambiente e Regione Calabria del 2011 relativamente al rischio idrogeologico. I Consorzi di Bonifica della Calabria, hanno proposte progettuali di ben 146 progetti immediatamente cantierabili che sono inseriti nella proposta dell’ ANBI che sarà presentata a Roma il prossimo 18 febbraio nella sala conferenze di Palazzo Montecitorio e possono essere messi a disposizione. Non sprechiamo questa occasione, è l’invito di Molinaro, possiamo fare un buon lavoro delineando chiaramente ruoli e competenze, intervenendo in modo attivo sulle criticità e utilizzando bene risorse, professionalità e competenze si può tra l’atro assicurare lavoro a imprese, maestranze e tecnici. Sono certo – continua – che l’assessore Gentile, non si lascerà sfuggire questa opportunità sulla quale ha lavorato, e valorizzerà attraverso l’Urbi Calabria i Consorzi di Bonifica, creando le dovute sinergie e soprattutto condizioni migliori per il territorio. La Coldiretti, il sistema consortile e i 314.152 consorziati se lo aspettano!

 

Print Friendly, PDF & Email





To Top