8@31

Segreterie Regionali e Provinciali:profonda preoccupazione per i lavoratori di Cosenza

Cosenza,Le Segreterie Regionali e Provinciali di CGIL-CISL-UIL, unitamente alle Federazione territoriali FP CGIL, FP CISL, FPL UIL e alle Segreteria aziendalI e alle RSU esprimono profonda preoccupazione per la vicenda che vede coinvolti i circa 250 lavoratori transitati alla Provincia di Cosenza con la L.R. 34/02 che vivono una situazione di estrema incertezza con il rischio concreto, per come ufficialmente comunicato dall’Amministrazione Provinciale nella riunione svoltasi giorno 5 c.m., di non ricevere gli emolumenti del mese di agosto, a causa dei colpevoli ritardi della Regione nel trasferimento della 2 semestralità 2013. Come tutti ricorderanno, la Provincia di Cosenza, su precise richieste del Sindacato, si è fatta responsabilmente carico di anticipare le risorse del personale e quelle relative all’effettivo esercizio delle funzioni amministrative conferite in applicazione della legge prima richiamata, per far fronte a palesi inadempienze regionali, che hanno portato a diverse iniziative intraprese dalle sigle sindacali e dalla RSU della Provincia, fino alla proclamazione dello stato di agitazione di tutti i dipendenti provinciali. Nel mese di aprile 2013, si è stati costretti, dato lo stato di agitazione, ad adire, tramite la Prefettura di Cosenza, al tentativo di conciliazione, che ha prodotto il riconoscimento da parte della Regione Calabria del debito maturato nei confronti della Provincia di Cosenza per il personale trasferito ai sensi della legge 34/ 02, riconosciuto in un “Verbale di Accordo tra le parti” stipulato e sottoscritto dalle stesse. Alla data odierna, nonostante l’intervento del Prefetto e la firma dell’accordo citato, prendiamo dolorosamente atto che nessuna delle somme riconosciute è stata versata in favore della Provincia la quale, dunque, si trova a dover continuare con l’anticipazione degli importi dovuti per stipendi e spese di funzionamento, compromettendo in questo modo anche l’esercizio delle funzioni amministrative della Provincia.  Del tutto incomprensibile il comportamento del Presidente e della Giunta della Regione Calabria che ritarda l’attuazione dell’accordo rispetto ai crediti, ormai certificati, addirittura davanti al Prefetto, vantati dalla Provincia di Cosenza. Le conseguenze di tale incomprensibile atteggiamento sono l’incertezza perenne con la quale convivono i lavoratori che responsabilmente ogni giorno assolvono ai compiti loro destinati dal trasferimento delle funzioni. Per le scriventi OO.SS. siamo di fronte ad una situazione non più sostenibile che lede i diritti dei lavoratori e che rappresenta chiaramente un pesante vulnus rispetto alla correttezza dei rapporti fra le Istituzioni che devono essere sempre scevri da ogni implicazione politica e da ogni tentativo di penalizzare amministrazioni che devono assolvere alle loro funzioni amministrative. Per queste ragioni, si chiede la immediata erogazione della seconda semestralità onde consentire di dare serenità ai lavoratori rispetto alla corresponsione delle future retribuzioni e nel contempo si chiede di adottare in tempi brevi formale atto amministrativo di approvazione del “Verbale di Accordo tra le Parti”,  frutto del tentativo conciliazione messo in atto dal Prefetto, attraverso la definizione di tempistiche equilibrate e certe di erogazione delle risorse relative al debito accertato, capaci di conciliare le esigenze dei due Enti, in un quadro di cui si è pienamente consapevoli segnato dalla limitatezza delle risorse disponibili per far fronte alle tante emergenze. Da subito le Federazioni di categoria attiveranno un percorso di confronto assembleare con i lavoratori, al fine di individuare ulteriori e più incisive forme di lotta, nel caso di mancato accoglimento delle richieste avanzate che ripetiamo rappresentano null’altro che la richiesta ferma di tenere fede agli impegni derivanti da accordi vincolanti fra Istituzioni.

Print Friendly, PDF & Email





To Top