8@31

Trasporti: Regione taglia linee autobus. Sila Greca isolata da Rossano

CAMPANA (Cs) – Violazione del più elementare diritto alla mobilità, la Regione Calabria taglia le uniche linee di autobus che collegano le comunità della Sila Greca con la Città di Rossano e quindi con l’Area Urbana. Più che un semplice disservizio, una gravissima condanna all’isolamento i cui effetti nefasti saranno catapultati su Campana, Mandatoriccio e Bocchigliero a partire dal prossimo mercoledì 11 giugno.

A lanciare l’allarme ed a denunciare questo ulteriore ed intollerabile scippo di diritti fondamentali ai danni delle periferie e dei centri minori è il Sindaco del Paese dell’Elefante Pasquale MANFREDI che parla di abbandono totale delle istituzioni e anticipa una comune iniziativa di protesta.

Dall’Ospedale GIANNETTASIO, che dopo la chiusura di quello Cariati resta l’unico e più vicino nel comprensorio, alla sede Inps ed a quella dell’Agenzia delle entrate. Sono, questi, soltanto alcuni deiriferimenti e servizi territoriali ubicati e offerti ancora a Rossano e la cui normale fruizione sarà adesso denegata per i cittadini della Sila Greca, pare per un mero ammanco nel bilancio regionale. Contro questa vera e propria ingiustizia sociale, è già iniziata una raccolta di firme da consegnare al vice presidente della Giunta Regionale STASI  e al Prefetto di Cosenza TOMAO.

Ancora una volta – spiega MANFREDI – si lasciano da soli i piccoli comuni che, già privati di infrastrutture da Paese Normale, vivono una condizione di isolamento e spopolamento continuo e grave. Questo ulteriore taglio determinerà un danno incalcolabile per Campana e per gli altri comuni del nostro comprensorio. Vivendo e lavorando in centri interni – precisa – ci sentiamo, anzi siamo già emarginati per la mancanza di arterie importanti e per la precarietà delle poche vie di comunicazione esistenti. Anziché potenziare i mezzi pubblici come succede ovunque – va avanti – ci si preoccupa soltanto di tagliare servizi di trasporto pubblico essenziali come i treni regionali (già ampiamente depauperati) e adesso anche le linee di trasporto su gomma. Ma se ci tolgono del tutto anche il più elementare diritto alla mobilità – conclude MANFREDI – non ha più senso alcuno parlare di cittadinanza italiana né tantomeno europea.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com