8@30 in piazza

Congresso nazionale Udc

Logo Udc

L’Udc arriva all’appuntamento con il suo futuro. I tre giorni di congresso nazionale, in calendario a Roma da venerdì 21 a domenica 23 febbraio, rappresentano un importante momento di confronto sul vissuto politico, sull’operato svolto e sulla conduzione del partito ma soprattutto sul percorso capace di lanciare una nuova fase costituente tra tutte le forze del centrodestra italiano nel solco dei comuni valori del popolarismo europeo e in linea con l’appello all’unità dei moderati e dei cattolici. Un congresso atteso, il quarto nella storia dell’Udc, che arriva in un momento politico molto delicato per il Paese: il segretario nazionale del Partito democratico, Matteo Renzi, con un colpo di mano che ricorda i metodi tradizionali della Prima Repubblica, scalza Enrico Letta per sostituirlo alla guida del Governo promettendo, a piene mani, rinnovamento e riforme. Una mossa che sorprende e lascia sconcertati elettori e militanti democratici, alleati e l’intero Paese. Quel Paese che con grande fatica proprio Letta aveva ricondotto nel solco della credibilità in Europa, che passo dopo passo – davanti ad uno spread che diminuiva e il Pil che lentamente risaliva – si rimetteva in carreggiata verso una lentissima e auspicata ripresa. Solo un Governo di larghe intese, da varare all’insegna della trasparenza e della definizione di programmi poggiati su imprescindibili riforme strutturali, può tirare fuori l’Italia dalle secche della crisi economica che attanaglia soprattutto la classe media, soffoca le piccole e medie imprese, mette in ginocchio di artigiani, costringe alla chiusura decine di imprese ogni giorno. L’Udc si augura che il 2014 sia realmente l’anno della ripresa: ma non sarà la staffetta tra Letta e Renzi, e un Governo di centrosinistra troppo spostato a sinistra che il nostro partito non accetterà mai, a poter costruire le condizioni per cambiare passo. Servono riforme, a partire da quella della legge elettorale che deve restituire la parola agli elettori attraverso lo strumento democratico dell’espressione delle preferenze. Serve un intervento concreto per il rilancio dell’economia attraverso la costruzione di posti di lavoro: non serve, insomma, una riforma al mese, come annunciato in pompa magna dal premier Renzi, ma di interventi strutturali ben assestati capaci di dare risposte concrete alle famiglie che arrivano a stento alla fine del mese e non sopportano più le “manovre di palazzo e di potere”, finalizzati all’autoconservazione di una classe dirigente e politica lontana dalle istanze delle comunità che dovrebbero amministrare. L’Udc, come dimostra il percorso di radicamento avviato nella città e nella provincia di Catanzaro dopo anni di chiusura e di inagibilità politica, si è dimostrato un partito capace di ascoltare, di muoversi tra la gente comune raccogliendone i bisogni con l’intento di dare risposte concrete senza temere di difendere i valori e i principi portanti della nostra identità di partito moderato. Proprio in merito alla svolta dell’Udc catanzarese, devo rivolgere un sentito ringraziamento al presidente del consiglio regionale Franco Talarico, che con la propria azione programmatica e la propria presenza rappresenta un riferimento e un esempio istituzionale fondamentale per tutto il partito calabrese, il presidente regionale del Partito Francesco Manti, ma anche al segretario provinciale Salvatore Mazzotta, ai consiglieri comunali Roberto Rizza e Domenico Concolino, e all’amico Franco Longo che stanno lavorando con impegno ed entusiasmo per rafforzare ulteriormente le radici della compagine sul territorio. L’augurio che rivolgiamo all’Udc, e quindi a tutti noi, è che il congresso nazionale che sta per essere celebrato rappresenti davvero un’opportunità di crescita, politica e umana, per raccogliere tutto l’entusiasmo e la passione di cui siamo capaci da mettere al servizio delle sfide che verranno, nell’esclusivo interesse

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top