8@30 in piazza

Dialogo per una cultura di pace nel Mediterraneo

La Fondazione Carical, di concerto con Don Giacomo Tuoto, Rettore della Cattedrale di Cosenza, ha organizzato per il prossimo 9 gennaio 2013, alle ore 18.00, presso il Salone degli Stemmi di Palazzo Arcivescovile di Piazza Parrasio a Cosenza, un convegno sulle tre religioni monoteiste dal titolo Dialogo per una cultura di pace nel Mediterraneo.
Relazioneranno:
Valter Jehudà di Castro, Rabbino
S.E. Antonio Lucibello, Nunzio Apostolico in Turchia
Alberto Ventura, Ordinario di Storia dei Paesi islamici – Unical.

Coordinerà i lavori il giornalista Rai Gennaro Cosentino.
“L’intento – afferma il Presidente della Fondazione, Mario Bozzo – è quello di evidenziare, attraverso il contributo di così autorevoli relatori, i punti di contatto che legano Cristianesimo, Ebraismo ed Islamismo e le loro proiezioni in ambito culturale.
Sono tre religioni universali che hanno come elemento comune e fondativo il Dio di Abramo: un elemento che deve costituire il punto di riferimento essenziale su cui costruire, valorizzando anche le differenze, un’autentica cultura del dialogo e della pace.
Queste tre religioni e le culture che esse esprimono rientrano a pieno titolo negli interessi della nostra Fondazione che da anni guarda al Mediterraneo e ai paesi che su di esso insistono e si affacciano, anche attraverso il Premio per la Cultura Mediterranea che è giunto alla sua VII edizione.
D’altra parte queste tre religioni hanno avuto proprio nell’antico Mare Nostrum la loro culla di origine e la loro centrale di diffusione nel mondo.
Il convegno è collegato ad una mostra di pittura del maestro cosentino Francesco Lupinacci, intitolata: Abramo – Paternità e nostalgia di pace. Allestita nella Cattedrale di Cosenza sarà inaugurata ufficialmente a conclusione del convegno. Anch’essa vuole contribuire a rilanciare la cultura del dialogo e della pace religiosa senza la quale nessuna prospettiva seria di pace può aprirsi nel Mediterraneo e nel mondo”.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top