8@30 in piazza

Il No di Talarico al Declassamento della Stazione di Lamezia Terme

Stazione ferroviaria lamezia terme centrale

Stazione ferroviaria lamezia terme centraleREGGIO CALABRIA – Il presidente del Consiglio Regionale, Francesco Talarico, ha rilasciato una dichiarazione contro il declassamento della stazione di Lamezia Terme, penalizzando la Calabria nei già difficoltosi collegamenti con il resto della penisola.

” L’ipotesi di declassamento della stazione ferroviaria di Lamezia Terme, uno degli scali ferroviari più importanti e strategici della Calabria, se confermata, rappresenta – dichiara Talarico – un ulteriore e penalizzante atto messo in campo dal gruppo Ferrovie dello Stato che prosegue, con arroganza, nel suo disegno di abbandono del sud e della Calabria in particolare.

Siamo di fronte ad una politica industriale che non si può che definire ” secessionista ” da parte di una società pubblica che continua nella sua strategia di abbandono che non e’ possibile accettare e che richiede immediati interventi del Governo, del ministro dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture e dei trasporti in particolare, e del Parlamento. La stazione ferroviaria di Lamezia Centrale, se trasformata in semplice fermata, senza più presidi e servizi essenziali, e completamente chiusa di notte, come si ipotizza, rappresenterebbe l’ulteriore spoliazione, nell’ambito del sistema dei trasporti ferroviari in Calabria.

Un ridimensionamento che arriva dopo il declassamento già avvenuto di altri scali ferroviari e la soppressione di treni a lunga percorrenza che collegavano la Calabria al Nord e viceversa. Il gruppo Ferrovie dello Stato fugge dalla Calabria – continua il Presidente – non assicura più servizi essenziali e crea grandi danni al nostro territorio, operando in maniera discriminatoria tra le diverse aree del paese.

Senza un sistema di trasporto ferroviario efficiente, con strutture e servizi adeguati – conclude  – l’Italia non può dirsi integrata fisicamente. Il gruppo Ferrovie dello Stato, con la sua politica penalizzante, dimostra di andare in senso contrario alle esigenze del paese.
Istituzioni, forze sociali, rappresentanti tutti della Calabria in Parlamento, informazione, debbono muoversi in sintonia e far fronte comune su una questione dalla quale dipende buona parte delle nostra capacità di crescita e di sviluppo ”.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com