8@30 in piazza

Molinari sulla revoca della videosorveglianza al PM Lombardo: “Inspiegabile farraginosità della giustizia”

L’avvocato Francesco Molinari, Senatore 5 stelle, si è pronunciato in una nota sulla decisione di revocare la videosorveglianza al PM Pierpaolo Bruni, e sulla scelta di presentare, in merito, un’interrogazione al Ministero dell’interno:
“Stiamo aggiungendo sempre più tasselli nella nostra battaglia contro la criminalità. Siamo stanchi di dare vuota solidarietà nell’attesa di nuovi eroi da piangere ipocritamente – ha detto Molinari – vogliamo risposte ! Sollecitato da uno sconcerto che viene dal fronte della lotta alla ‘ndrangheta sul territorio calabrese, ho presentato ieri, 4 dicembre, un’interrogazione – la n. 4-03127 – al Ministro dell’Interno sul caso del PM DDA di Catanzaro, Pierpaolo Bruni, minacciato dalla ‘ndrangheta. Forse non tutti ricordano, nel continuo stillicidio di minacce ed intimidazioni ai magistrati (è degli scorsi giorni la notizia di quelle ad un altro PM DDA, Giuseppe Lombardo), che nel marzo 2014 il PM Bruni veniva fatto oggetto di un’intimidazione a carattere familiare tramite un inquietante spostamento dell’auto del proprio genitore in una zona rimozione adiacente, posto in essere da ignoti. Un episodio del quale – al pari di altri – è stata possibile la ricostruzione grazie ad un impianto di videosorveglianza. Ora, proprio quasi in concomitanza alla divulgazione della recente progettazione di un attentato ai danni di questo coraggioso PM, la Prefettura di Crotone ha materialmente disposto la rimozione del succitato impianto di videosorveglianza : com’è stato possibile ciò ? A chi si deve l’iniziativa di tale decisione ? La privazione di questo come di altri sistemi di tutela a garanzia della sicurezza di chi mette a repentaglio la vita per svolgere il proprio lavoro è inaccettabile ed è ancora più grave se figlia di una visione burocratica della lotta alle mafie : non è possibile che la macchina della giustizia debba continuare a fare i conti con tale scellerata farraginosità. O dobbiamo considerare figlia di altri ragionamenti l’inspiegabilità di tali decisioni ? Con il supporto dei miei colleghi (hanno firmato l’atto i portavoce Vacciano, Bottici, Simeoni e Gaetti, quest’ultimo vice presidente della Commissione Antimafia), continuerò a fare il mio lavoro di sentinella sul territorio, per il bene dei calabresi. Lo Stato faccia, con le istituzioni preposte – ha concluso il senatore – la propria parte, e non svogliatamente : lo deve a chi è in prima linea nella lotta alla ‘ndrangheta.”

Print Friendly, PDF & Email





To Top