Attualità

Pd Rende a lezione di accoglienza sul modello Riace. Adamo: «Prototipo da perseguire»

Riace

RIACE (RC) – E’ stata una giornata intensa quella che alcuni militanti del circolo del Partito Democratico di Rende hanno trascorso martedì scorso a Riace, per osservare il modello di integrazione messo in essere dal sindaco “comunista umanitario e visionario” Domenico Lucano.

L’iniziativa, organizzata dal segretario del circolo Francesco Adamo e dal giovane dem Lorenzo Principe, è stata accolta con entusiasmo dai democrat rendesi e, nonostante la giornata lavorativa, è stato nutrito il gruppo di coloro i quali hanno partecipato alla gita politica. Difatti, nell’antico borgo di Riace convivono persone appartenenti a ben 20 etnie diverse. Ad accogliere il gruppo dem rendese il primo cittadino di Riace Mimmo Lucanto, sebbene un difficile consiglio comunale lo attendesse, che con cortesia e semplicità ha intrattenuto gli avventori ed ha risposto a tutte le domande postagli. «La solidarietà è strettamente collegata alla giustizia». Ha esordito Lucano. «Riace è l’epicentro di una storia che dimostra che l’immigrazione non è una cosa negativa». Riace

Il sindaco ha ripercorso la storia dell’accoglienza di Riace, iniziata venti anni fa allorquando un veliero con a bordo profughi del Kurdistan approda sulla spiaggia del paese. Le case abbandonate dai nostri emigrati, soprattutto in America, sono state destinate ai rifugiati. Riace è come Lampedusa, c’è un ricambio continuo e qualcuno ha deciso di fermarsi. La Locride è una terra di irta difficoltà, ma l’arrivo delle persone ha fatto sì che alcuni servizi potessero ripartire (quali l’asilo, un pronto soccorso, un frantoio). La logica assistenziale della quale la nostra terra ha fruito non è stata di aiuto nel creare sviluppo. Con i rifugiati nasce l’idea del turismo dell’accoglienza».

Lucano ha infine ribadito l’impegno a tutelare le risorse destinate all’accoglienza per non permettere che i soliti imprenditori (prenditori) dell’accoglienza facciano lucro sulle pelle dei rifugiati. «I 35 euro giornalieri se ben spesi possono bastare. Diamo fastidio perché dimostriamo che possiamo fare bene». Ha ricordato che lo sceneggiato televisivo “sul modello Riace”, interpretato da Beppe Fiorello, non è mai andato in onda «perché si vuole evitare di far conoscere la storia di Riace, dove l’arrivo dei rifugiati è stata una opportunità per il paeseå».

Il segretario del circolo, Francesco Adamo, ha commentato soddisfatto: «E’ stata una giornata che ricorderemo, un modello di integrazione quello di Mimmo Lucanto che, nonostante tutte le difficoltà che ha incontrato e che continua ad incontrare, ha fatto la storia e che lascia il segno, il suo modello ci offre un prototipo meritorio da perseguire».

Francesco Farina

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com