Attualità

“Quel nastrino rosso” per sensibilizzare sulla violenza sulle donne

BISIGNANO (CS) – Una giornata di sensibilizzazione, quella organizzata ieri dall’amministrazione comunale a ridosso del 25 Novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne, nell’I.I.S. “Enzo Siciliano”. L’assessore alla cultura Ornella Gallo ha condotto l’evento davanti agli studenti e spalleggiata dall’assessore alle pari opportunità Francesca Coschignano è stata artefice della presentazione de “Quel nastrino rosso” di Carmela Paonessa, da anni impegnata nella lotta per le donne.

Dopo i consueti saluti del sindaco Francesco lo Giudice, che ha fatto un elogio a Silvana Vocaturo, presidente e una delle fondatrici dell’associazione “Scarpette rosse”, definendola «un esempio di cittadinanza attiva» e che ha fatto riferimento ai propri studi per sottolineare quanto la violenza è spesso un fatto culturale, ha continuato Coschignano. L’assessore ha voluto sottolineare il forte impegno del governo, il quale ha stanziato diversi fondi per campagne di sensibilizzazioni, e dell’amministrazione comunale la quale attraverso varie manifestazioni vuole introdurre una cultura del rispetto reciproco, in particolare verso la donna «definita dal presidente Mattarella un serbatoio di gentilezza, piena di attitudini che respingono la violenza.» Tasto toccato anche dal sindaco precedentemente che ha parlato di uno sportello di ascolto per i cittadini, oltre a muoversi per il ripristino dello sportello all’interno della scuola.

«La protagonista ci porta verso un amore malato, un amore che sfocia nella violenza – dice Silvana Vocaturo -. Essa inizia da piccoli atti, atti di bullismo o violenza anche verbale contro i propri genitori. Si parte dalla rabbia e quella bisogna imparare a controllare». E per aiutare le vittime di queste violenze, in particolare le donne, nasce “Scarpette rosse”. Ma in che modo? «Promuovendo e organizzando attività culturale, convegni, manifestazioni sportive, tutto per sensibilizzare e far emergere le donne che stanno zitte, per portarle a fare una denuncia».

Tantissimi gli interventi dei ragazzi che hanno potuto leggere il libro grazie all’amministrazione comunale che l’ha distribuito precedentemente ai ragazzi. L’autrice ha risposto quasi ogni domanda nel suo intervento, ma prima hanno voluto dire il loro parere il vicesindaco Graziano Fusaro e il presidente del consiglio comunale Antonio Ammirata. «Tornate a casa, ragazzi, e chiedete ai vostri nonni chi ha ricostruita l’Italia e l’Europa nel dopoguerra. Sono state le donne. E quello che stiamo facendo oggi –  dice Fusaro – è il modo migliore per combattere la violenza. Dobbiamo parlarne. Guardare il problema in faccia in una cultura che volta la faccia nel silenzio».

«Ho lavorato per 30 anni per le donne – continua l’autrice – . Ho capito che al contrario degli uomini, le donne non sono capaci di fare rete, siamo sempre pronti a giudicare, piene di invidia», ha proseguito spiegando poi l’iniziativa del nastro rosso, pensata assieme alle forze dell’ordine: «quando ognuno di noi sa di una violenza, contro chiunque, persino di bullismo tra ragazzini, possiamo appendere un nastrino rosso sulla porta. Carabinieri e polizia agiranno poi per risolvere il problema».

Un modo intelligente e creativo per aiutare il prossimo, rendendo questo mondo, un mondo migliore.

 

Alfredo Arturi

Print Friendly, PDF & Email





To Top