Attualità

Unical, Adalgisa Caracciolo aderisce a RDU – SOGNO

Rdu

RENDE (CS) – Adalgisa Caracciolo, già presidente di Unica, ha ufficializzato la sua adesione al gruppo di associazini RDU – Rinnovamento Democratico Universitario e SOGNO.

La ventenne, originaria di Bocchigliero, è attualmente candidata al Corso di Laurea in Scienze Turistiche, per la travagliata tornata elettorale universitaria prevista per maggio scorso e rinviata a causa di un ricorso presentato dalla Lista Unidea.

«Sono sempre stata abituata a dare tutta me stessa per un progetto in cui ho creduto fin dal primo minuto», dichiara Adalgisa Caracciolo. Frutto di una scelta pensata e maturata è l’entrata nella famiglia di Rinnovamento Democratico Universitario – S.O.G.N.O. e l’adesione alla lista Rinnovamento è Futuro. «Decido difatti di entrare a far parte di una compagine che porta avanti un grande rinnovamento con lo scopo di rendere ancora più vivibile il nostro campus, mettendosi a disposizione di ogni singolo studente – prosegue Caracciolo -. Sono pronta e determinata a mettermi da subito al lavoro in un gruppo che ha fatto della partecipazione e della condivisione due capisaldi della propria azione quotidiana.A chi ha condiviso con me il percorso precedente va il mio ringraziamento per quanto fatto insieme e l’augurio che possano continuare a portare avanti il proprio lavoro al meglio».

Ad esprimere soddisfazione per il subentro nelle fila di RDU-SOGNO sono Mario Russo, membro di RDU e candidato al Senato Accademico per Rinnovamento è Futuro, e Ferdinando Cimino, Consigliere DISU e Presidente SOGNO. I due danno il benvenuto in squadra alla Caracciolo e si dichiarano «felici di accoglierla nella nostra squadra, perché siamo sicuri che il suo contributo sarà fondamentale nella nostra azione di ascolto, proposta e Rivoluzione Culturale che stiamo portando avanti nel nostro Ateneo».

«La sua e le tante altre adesioni che ci stanno pervenendo nelle ultime settimane – aggiungono Russo e Cimino – ci fanno capire che la strada tracciata è quella giusta da seguire».

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top