Cronaca

Presi gli assassini di Carmine Avato

Eugenio Facciolla

Eugenio FacciollaCORIGLIANO (CS) – Sono giunte ad una svolta le indagini per l’omicidio di Carmine Avato, il muratore incensurato di 52 anni, ucciso a colpi di pistola nella notte tra il 14 e il 15 novembre scorsi mentre era davanti casa, a San Cosmo Albanese. Nel corso della notte, in esecuzione di due provvedimenti emessi dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, guidata da Eugenio Facciolla, ed eseguiti stamani dai carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, una persona è stata arrestata ed un’altra è stata sottoposta a fermo di polizia giudiziaria. Si tratta di un cittadino romeno, Cristian Dulan, 30 anni, ritenuto l’esecutore materiale dell’omicidio, e del cognato della vittima, Salvatore Buffone (31), indicato come il mandante. L’omicidio, ha riferito il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla, è maturato per “contrasti molto forti in ambito familiare”. Secondo quanto riferito dagli investigatori, due giorni dopo essere stato ucciso Avato avrebbe dovuto partecipare a un’udienza in tribunale con la moglie per la procedura di separazione coniugale. Avato è stato ucciso con quattro colpi di pistola 7.65 sparati a tarda notte, davanti all’abitazione della vittima, in una strada non molto distante dall’aperta campagna. La svolta nelle indagini è giunta stamani, quando i carabinieri della Compagnia di Corigliano, insieme a Facciolla e al pm che ha coordinato le indagini, hanno compiuto una perquisizione a casa di Dulan dove è stata trovata una pistola calibro 7.65 – lo stesso dell’arma usata per il delitto – e 22 proiettili dello stesso calibro. L’uomo ha tentato di disfarsi dell’arma gettandola dalla finestra ma è stato visto dai militari dell’arma che hanno recuperato la pistola. Dulan – arrestato in flagranza per il possesso dell’arma – avrebbe quindi fatto delle ammissioni che hanno portato al suo fermo e a quello di Buffone per l’omicidio di Avato. Il legame tra i due fermati, ha spiegato il comandante della Compagnia carabinieri di Corigliano, capitano Francesco Barone, è emerso nel corso delle intercettazioni telefoniche effettuate in queste settimane. L’operazione di stamani, ha detto Facciolla, “è frutto del lavoro encomiabile svolto dall’ufficio di Procura di Castrovillari con i carabinieri di Corigliano che ha portato a raccogliere elementi tali da arrivare a un punto nevralgico dell’inchiesta”. Le indagini, comunque, proseguono per accertare eventuali responsabilità anche a carico di altre persone.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com