Cronaca

Caso Bergamini, Anselmo sicuro: «Fu ucciso, incidente stradale simulato»

ROMA – Dopo la riapertura delle indagini e la riesumazione della salma di Denis Bergamini, l’ex calciatore del Cosenza morto sotto un camion sulla Statale 106 Jonica nel novembre 1989, emergono particolari importanti dai nuovi esami autoptici effettuati sul corpo. Lo rivela l’avvocato Fabio Anselmo, legale della famiglia Bergamini, intervenendo alla trasmissione “La Storia Oscura” su Radio Cusano Campus. «Dopo la riesumazione – dice Anselmo – la salma di Denis ha già iniziato a parlarci, perché il corpo nonostante siano passati 28 anni è in buone condizioni. Abbiamo avuto conferme sul fatto che sicuramente non si trattò di un incidente o di un suicidio: Denis Bergamini fu ucciso e chi lo uccise simulò un incidente stradale. Gli accertamenti sul corpo proseguono e noi vigileremo attentamente sugli esami e staremo molto attenti sui successivi sviluppi, perché abbiamo capito che sull’omicidio di Denis si sono innescate logiche inquietanti. Aggiungo che dai primi accertamenti – sostiene il legale – emerge che solo una parte del corpo di Denis, il bacino, è devastata, il resto è integro: questo significa che il corpo è stato sormontato lentamente dal camion e poi è stata fatta evidentemente una manovra di leggera sterzata sopra il bacino e successivamente il camion è arretrato; ecco perché non si può assolutamente parlare di investimento. Riteniamo inoltre che quando è successo questo, Bergamini fosse già morto o comunque agonizzante. Mi sento quindi di poter dire che siamo vicini alla verità, anche perché oggi, finalmente, da parte della Procura di Castrovillari c’è la volontà di arrivare alla verità, una volontà che non c’è mai stata prima». (Foto Aska News).

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com