Cronaca

Gdf sequestra 2 kg di droga nel milanese. Due calabresi in manette

MILANO – Nascondevano la cocaina in un contenitore per il trasporto di protesi di silicone per il seno otre che nel doppio fondo della loro auto. I finanzieri della compagnia di Magenta hanno sequestrato due chilogrammi di cocaina, per un valore stimato di circa 700mila euro e il veicolo, che sotto il sedile del guidatore aveva un’intercapedine creata ad hoc per il trasporto della sostanza stupefacente. I due cittadini italiani, di 24 anni e 25 anni, che erano a bordo sono stati arrestati con l’accusa di detenzione e spaccio. L’operazione ha consentito alle fiamme gialle al termine di un lungo e accurato lavoro di indagine di individuare un box che veniva utilizzato dagli arrestati per nascondere gli stupefacenti. I finanzieri, dopo aver individuato la base logistica dello spaccio, hanno quindi aspettato il momento giusto per bloccare i due giovani a bordo della loro auto. La perquisizione del garage ha portato al ritrovamento della sostanza stupefacente nascosta all’interno del cofanetto di plastica usato per le protesi al seno. I due spacciatori arrestati, originari di Reggio Calabria e vicini alle cosche di San Luca, tenevano il “campionario” della cocaina da far assaggiare a grossisti milanesi, all’interno di contenitori per le protesi al seno di silicone. Si tratta di contenitori in grado di trattenere l’odore dello stupefacente e di passare inosservati anche in caso di controlli con i cani antidroga. I due contenitori, grandi come un porta cd, sono stati trovati dalle Fiamme Gialle nel corso di una perquisizione e in entrambi c’erano tracce evidenti di cocaina. L’ipotesi è che i due trafficanti di droga, residenti in Calabria siano arrivati in Lombardia circa un mese fa, proprio per piazzare lo stupefacente. L’auto sulla quale viaggiavano, con un doppiofondo per custodire la droga, era intestata a un negozio di Cinisello Balsamo. Dopo una mancata consegna ad Arluno, alle porte di Milano, i militari delle Fiamme Gialle hanno seguito i movimenti della coppia di spacciatori per diversi giorni, finché per loro non sono scattatte le manette. I due, raccontano gli investigatori, avevano messo in atto una serie di precauzioni per evitare di essere individuati. I loro cellulari, in particolare, erano dotati di software anti intrusione e avevano il codice Imei (un codice di 15 cifre che permette di identificare con certezza il telefonino) completamente cancellato. Anche le schede sim utilizzate dai due spacciatori erano straniere.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com