Cultura&Spettacolo

Arriva a Cosenza “la più amata dagli italiani”. Lorella Cuccarini si racconta ai giovani che non smettono di sognare

CEfouP6WgAAoelfLei è l’esempio di quanto, nella vita, i sogni possano diventare realtà“. Inizia così il quarto incontro di NexTv, l’appuntamento più atteso dai giovani calabresi, giunto ormai al suo quarto ospite eccezionale. Un momento, quello che Lucio Presta, l’associazione AmoCosenza e il Teatro dell’Acquario hanno voluto creare per i giovani cittadini di una terra “difficile”, che passo dopo passo, sembra davvero accendere in loro la speranza di poter diventare qualcuno. Un momento, che forse proprio per il mancato clamore che gli ruota attorno, si rivela, incontro dopo incontro, sempre più imperdibile. Soprattutto se a far da padrona, in un pomeriggio di quasi estate, è una “diva” come Lorella Cuccarini.

Del resto, stiamo parlando della più amata dagli italiani. Di colei che per anni ha rappresentato il successo di una della cucine più vendute nel territorio nazionale e non solo. Di una donna che da tempo immemore, tra un party di Capodanno e una festa anni ’80/’90, riesce a mettere tutti d’accordo al ritmo de “La notte Vola”. Di una delle  più affascinanti ed eleganti figure dello spettacolo che qualsiasi televisione sia mai riuscita a mostrare. Non c’è trucco nelle sue parole, né alcuna impostazione. Lorella è genuina, carismatica, piena di charme. Il tempo che passa ne ha accresciuto il savoir faire ma non le rughe. Eclettica, solare, professionale ed amichevole, appartiene a quella schiera di persone che con un sorriso sembrano essere in grado di poter dire qualunque cosa. Non vuole sentire parlare di pressapochismo, di compromessi, di speculazioni del dolore né di qualsivoglia forma di lassismo. Lucio Presta la definisce una “macchina da guerra”, una di quelle donne che sanno lavorare senza dimenticare di divertirsi. E nessuno fatica a credere che sia così.

CEfouOpWgAABdMELorella Cuccarini è il talento. Quello che si accompagna ai colpi di fortuna, che non rinnega di aver avuto, ma anche quello che lotta sodo e combatte per fare al meglio ciò che le compete. Si racconta, senza filtri, nella sua solarità ricordando all’ entusiasta pubblico che sforna domande una dietro l’altra, il suo amore per il teatro, la sua grande passione per il musical, il suo impegno in campo sociale. E non smette mai di ricordare quanto  è importante sognare. “Non sono sicura che oggi i giovani abbiano il posto che abbiamo avuto noi nel mondo dello spettacolo. Ma vi posso dire di non smettere mai di sognare. Guardate ciò che avete costruito e non pensate a ciò che avreste potuto fare o avreste potuto avere. Ognuno di noi può fare della propria vita un capolavoro, anche uno piccolissimo. L’importante è che sia il suo. Che si nutra di piccoli istanti di felicità. Di passioni e di sogni. E se decidete di lasciare la vostra terra, per inseguire quei sogni, non dimenticate mai da dove provenite. Ma soprattutto chi siete. Forse, partendo, vi sembrerà di dover scappare. Solo il tempo vi svelerà che quella non è una fuga. Ma un modo per tornare a dare al posto che avete lasciato, il meglio di voi stessi”.

Lia Giannini

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top