Cultura&Spettacolo

Civita…nova apre le porte al pubblico

Oltre cinquanta produttori enogastronomici ed artigiani nel borgo antico per mostrare le eccellenze del Pollino. Laboratori del gusto, visite guidate, Fil Mama in un concerto per la prima serata
Tutto pronto nel borgo antico di Castrovillari per l’apertura ufficiale di Civita…nova, vivere il centro storico. Per quattro giorni la “civita” castrovillarese si trasformerà nella cittadella delle eccellenze del Pollino con oltre cinquanta produttori enogastronomici e artigiani presenti alla manifestazione, in rappresentanza dei sei comuni coinvolti (Civita, Frascineto, Morano, Mormanno, San Basile, Saracena) nella rete territoriale voluta dall’amministrazione di Castrovillari, per la realizzazione concreta del “filo rosso” che unisce i territori per un rilancio dello sviluppo possibile e sostenibile attraverso un’efficace promozione del marketing territoriale basato sulla identità del comprensorio.
La manifestazione, organizzata dal Comune di Castrovillari in collaborazione con la Pro Loco del Pollino, e la proficua sinergia di Unpli Cosenza, Confesercenti, Confartigianato, Cia e Coldiretti, partirà ufficialmente domani 19 settembre alle ore 18.00 aperta dal concerto di voci bianche a cura dell’Associazione “Nova vox aurea” e del Coro SS Medici diretto dal maestro Angese Bellini previsto nel Protoconvento Francescano, per concludersi il 22 settembre con il concerto degli Almamegretta, in Piazza Castello, che in città arriveranno con una tappa del “Controra Tour 2013”, il live set che sta spopolando in tutta Italia portando le sonorità fusion della band capitanata da Raiz.
Nella prima giornata di Civita…nova sarà il gusto a fare da filo conduttore della manifestazione sviluppata in stretta sinergia anche con una ventina di associazioni locali che – gratuitamente – hanno messo a disposizione degli organizzatori il loro saper fare e le loro intelligenze per la realizzazione di un grande e variegato evento per la valorizzazione e la riscoperta del borgo antico castrovillarese.
Alle ore 19.00 l’apertura del percorso artigianale e gastronomico metterà in mostra tutte le eccellenze produttive legate alla storia della terra e delle mani abili presenti dallo jonio al Pollino in una rete territoriale di grande qualità. Alle ore 18.00, invece, sarà il Laboratorio del Gusto – coordinato dalla giornalista enogastronomica Stefania Monaco – ad intrattenere un max di 40 partecipanti (per le prenotazioni mandare una mail a prolococv@libero.it) per un approfondimento su lieviti e farine e pizza in un face to face con Antonio Oliva, giovane e brillante pizzaiolo di Acri, allievo di Gabriele Bonci, maestro di pane e lievitazione da tempo protagonista de “La Prova del cuoco” al fianco di Antonella Clerici sulla rete Rai. Subito dopo l’apertura de “La putìa” di Civita…nova nella quale Monaco ed Oliva realizzeranno, ogni sera, una “pizza a quattro mani” utilizzando i prodotti a km0 della “chiazza” castrovillarese a due passi dal centro storico, conditi dall’Olio dell’azienda Agricola Doria, premiata con la “Gran menzione” nella categoria Monovarietali del concorso Sol d’oro 2013, ed accompagnati dalla birra artigianale del “Birrificio Leardi” e dalle produzioni casearie del consorzio di tutela del formaggio monteveronese e del consorzio di tutela del Pane di Matera.

La prima serata sarà arricchita dalla musica di Fil Mama, la cantante di origine cosentina, protagonista dell’edizione 2013 del Peperoncino Jazz Festival, che accoglierà il pubblico, in Piazza castello, con le sonorità blues di cui è mirabile e talentuosa interprete, mentre sul tema de “La città intelligente” si muoveranno le proposte culturali dell’Accademia Pollineana In collaborazione con le associazioni Kontatto production ed Anime Salve che inizieranno una serie di eventi che hanno la finalità di promuovere «l’immagine dell’antico centro di Castrovillari e della stessa collettività castrovillarese come luogo privilegiato e strumento intelligentemente duttile e consapevole di un’identità che affonda le sue radici nel lontano passato, si permea del fascino degli antichi monumenti di riferimento per la comunità» ed è pronta per «reinventarsi uno spazio urbano di costruzione della nuova identità sempre più immessa nella complessità urbana e nel villaggio globale», spiega la coordinatrice Filomena Bloise. In contemporanea nella prima giornata saranno inaugurate le mostre fotografiche “Luoghi ed edicole devozionali nel centro antico di Castrovillari” (protoconvento francescano), “Mostra in omaggio ad Audrey Hepburn” a cura di Enzo Bruno (Sala museale del castello aragonese), “Obiettivo carnevale”.
Sarà la Scuola superiore di Musica “F. Cilea” a realizzare i percorsi musicali nei vicoli del centro storico, mentre Sifeum e Mystica Calabria organizzeranno visite guidate ed animazione in costume d’epoca nel Castello Aragonese, per trasformare il maniero in un viaggio fantastico a ritroso nel tempo, attraversando i secoli, tra buffoni e carnefici. E’ questa la proposta di “Castrum…storie” che guiderà i visitatori facendo rivivere i protagonisti “leggendari” della città del Pollino. Strutture architettoniche del centro storico saranno trasformate in cinema all’aperto con la tecnica del “Muro-movie” che prenderà in esame alcune pellicole tratte da famosi film d’epoca girati in Calabria o nel meridione, come “Il lupo della Sila”, “Il brigante di Tacca del Lupo” o sulla letteratura storiografica meridionalista, come “Mafioso” “Salvatore Giuliano”. Tutti gli eventi della quattro giorni saranno annunciati dalla voce di Giovanni Pisani, per la rievocazione della figura de u jettabannu a cura di Khoreia 2000. 
Nel ricco calendario di appuntamenti figurano anche la personale di pittura di Fabio Maestripieri “Paesaggi di passaggio”, “Novart” mostra ed estemporanea di pittura e scultura a cura di “Nativa – cantiere creativo” con la collaborazione di Franco Zaccaro e la proiezione video di Fedele Tocci e Stefano Contin, e la collettiva “Luoghi nel centro storico” a cura di Saverio Santandrea, per un borgo tutto da vivere e da gustare, da scoprire e approfondire nella sua storia, nei suoi colori, nei suoi saperi e sapori.
Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top