Cultura&Spettacolo

Da domani “Napoli e la Calabria: un viaggio attraverso i secoli”

PALAZZO ARNONE

CATANZARO – Si svolgeranno domani e dopodomani 7 e 8 giugno, le giornate “Napoli e la Calabria: un viaggio attraverso i secoli”. L’iniziativa, ideata dall’assessorato alla Cultura della Regione Calabria, è promossa dalla Fondazione “Napoli Novantanove” d’intesa con l’assessorato all’Istruzione della Regione Campania, e la collaborazione della Soprintendenza regionale, della Soprintendenza speciale del Polo Museale di Napoli, della Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III” di Napoli e di quella di Cosenza, dell’Università Federico II Napoli e dell’Università della Calabria.

Domani, alle ore 17, ci sarà la presentazione del convegno a Cosenza presso Palazzo Arnone, con il sindaco Mario Occhiuto, l’assessore alla Cultura della Regione Calabria Mario Caligiuri, l’assessore all’Istruzione della Regione Campania Caterina Miraglia, il sovrintendente ad interim ai Beni artisti e storici della Calabria Fabio De Chirico, il soprintendente del Polo Museale di Napoli Fabrizio Vona, il direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli Mauro Giancaspro, il direttore della Biblioteca Nazionale di Cosenza Elvira Graziano, il professore dell’Università “Federico II” di Napoli Francesco Caglioti, la presidente della Fondazione “Napoli Novantanove” Mirella Stampa Barracco.

Il giorno seguente, 8 giugno, con inizio alle ore 10, presso il Parco Old Calabria di Torre Camigliati a Camigliatello Silano, si svolgerà invece il convegno “Napoli e la Calabria: un viaggio attraverso i secoli”. La prima sessione si occuperà di storia, arte e architettura. Sono previsti gli interventi di Marta Petrusewicz dell’Università della Calabria (Per terra e per mare: le comunità in viaggio tra Napoli e le Calabrie), Francesco Caglioti dell’Università “Federico II” di Napoli (La Capitale del Regno e i suoi feudi: scultura monumentale per i “baroni” di Calabria), Francesco Paolo di Teodoro del Politecnico di Torino (L’architettura calabrese del Rinascimento: un cannocchiale verso Napoli e Roma). La seconda sessione tratta il tema “Manifatture borboniche: San Leucio e Mongiana”. Relazioneranno Silvana Musella Guida, Università di Napoli, Federico II (Tessuti, macchine, e produzione della seta in Calabria: un rapporto di scambio tra centro e periferia) e Gennaro Matacena (La Real fabbrica di Mongiana prima e dopo l’Unità d’Italia). L’ultima sessione è riservata alla musica con la relazione di Vincenzo De Gregorio, preside del Pontificio Istituto di Musica Sacra (I sentieri della musica tra la Capitale e le Calabrie).

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top