Cultura&Spettacolo

Il 1 Dicembre Verrà Consegnato il Premio Muse 2014 a Mons. Francesco Milito

REGGIO CALABRIA – Domenica 1 dicembre alle ore 18 presso la Sala D’Arte Le Muse di via San Giuseppe – Rc, il sodalizio de “Le Muse – Laboratorio delle Arti e delle Lettere di Reggio Calabria consegnerà il Premio Muse 2014.

Dopo la consegna del primo riconoscimento il 27 ottobre a Roberto Bilotti Ruggi D’Aragona come mecenate e filantropo, per la sua promozione per l’arte e le raccolte museali a livello internazionale, il secondo riconoscimento andrà a Mons. Francesco Milito – vescovo della diocesi di Oppido Palmi.

Giuseppe Livoti presidente dell’associazione culturale e del premio dichiara che tale scelta rientra nel percorso tracciato dalle Muse a livello nazionale: premiare personaggi che hanno un rapporto diretto con il nostro sud e che tanto riescono a fare per l’arte e la cultura.

Dunque la scelta di S.E. Milito non è casuale.

Il suo interesse per l’arte lo ha condotto in questi ultimi anni a far rinascere l’UCAI –Unione Cattolica Artisti Italiani in Calabria, creando un dialogo ed un rapporto diretto con la cultura regionale.

Mons. Milito è nato a Rossano,  formandosi al Seminario Regionale San Pio X di Catanzaro. Ordinato sacerdote nel 1972,  ha conseguito il diploma di Archivistica presso la Scuola dell’Archivio Segreto Vaticano e quello di Teologia Pastorale al Pontificio Istituto Redemptor Hominis della Pontificia Università Lateranense. A Rossano è stato responsabile archivio storico diocesano, rettore del Seminario Arcivescovile. A Catanzaro, rettore del Pontificio Seminario Regionale San Pio X e direttore dello Studio Teologico Calabrese, Cappellano di Sua Santità dal 1983. Già Officiale della segreteria di Stato dal 1985 al 1988. Docente di Storia della Chiesa e di Archivistica presso Istituto Teologico Calabro di Cz.  Eletto vescovo il 4 aprile 2012. Dal 2013  nominato Presidente Associazione dei Bibliotecari ecclesiastici italiani e vice presidente della Conferenza Episcopale Calabra.

Sua eccellenza saluterà il pubblico reggino con una lectio magistralis citando il canto XI dell’Inferno ed esattamente il vv. 105 “…sì che vostr’arte e Dio quasi è nepote”. La domanda che proporrà ai presenti sarà Artisti oggi: orfani o eredi nel mondo contemporaneo?

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com