Cultura&Spettacolo

Il cuore di Mendicino batte “Aspettando Radicamenti 2017”

MENDICINO  (CS) – Il cuore del centro storico di Mendicino torna a battere come un tempo, più forte di un tempo. “Aspettando Radicamenti 2017”, l’evento organizzato dall’amministrazione comunale per anticipare l’ edizione 2017 di Radicamenti, è un vero e proprio successo di pubblico. «Radicamenti in questi anni ha portato tanta gente- ricorda la giornalista Elvira Madrigrano-, ha valorizzato le tradizioni popolari, ha reso vitale il centro storico, l’agorà, il cuore nevralgico dell’economia del paese». «Un percorso complesso, ciò che sembrava un’utopia, oggi è realtà», annuncia un emozionato Antonio Palermo. Il campetto di calcio e il percorso pedonale che collega le due piazze principali sono gli ultimi lavori nel centro storico portati a termine a favore dei cittadini di tutte le età. Si lascia andare ai ricordi Elvira Madrigrano, «Vedo persone che come me ricordano che qui negli anni ’80 c’era un pub, c’erano botteghe, attività commerciali». Proprio due nuove attività commerciali hanno preso vita ieri sera, col famoso taglio del nastro ad opera del primo cittadino, grazie alla detassazione annunciata lo scorso maggio nel corso di una conferenza stampa. «Ringrazio chi ha creduto in questo percorso, ringrazio i due ragazzi che hanno deciso di investire nel nostro centro storico. A breve, sempre nel centro storico verrà aperta una panetteria, sorgeranno due nuove farmacie (una in Contrada Rosario, l’altra nel centro storico). Forse qualcuno, al posto di queste nuove attività, avrebbe preferito dei parcheggi in più, io credo invece che rivitalizzare il centro storico, cuore delle nostre radici, significa credere nella nostra economia». Vincitori del Kaulonia Tarantella Future nel 2014 e del Premio Ucci FolKontest 2016, la musica popolare de “Hosteria di Giò” – gruppo della Presila cosentina sorto nel 2013 in un’osteria, luogo di socialità e convivialità- ha letteralmente trascinato la folla, che da timida, si è poi lanciata in danze sfrenate. Memoria, ricerca, recupero delle proprie radici sono i principi alla base di un gruppo che ha proposto brani inediti e tradizionali lanciando lo sguardo a temi sempre attuali come il fenomeno dell’ emigrazione e il clientelismo politico. Questi ragazzi hanno fatto divertire e pregustare l’aria di Radicamenti, festival del territorio e della tradizione in cui il centro storico sarà luogo di eventi culturali ed artistici. « Si svolgerà a settembre nel centro storico- ricorda il primo cittadino- , per poi concludersi col tradizionale concerto sulla vetta di Monte Cocuzzo, l’edizione 2017 di Radicamenti. Il festival è stato finanziato dalla Regione, attendiamo l’ assegnazione definitiva delle risorse . Preparatevi perché Mendicino sarà invasa».

Rita Pellicori

Print Friendly, PDF & Email





To Top