Cultura&Spettacolo

La poetessa Giuliana Franco in Commissione Cultura

giuliana franco in commissione cultura

COSENZA – Senza la poesia non potrebbe quasi vivere, rappresentando per lei un’urgenza irrinunciabile: Giuliana Franco, poetessa ed eclettica artista di Cosenza, città dove vive dall’età di cinque anni, pur essendo nata a Frosinone, fa parte di quella schiera di artisti e poeti cui la Commissione cultura ha voluto dare una meritata visibilità per il lavoro attento di diffusione dell’arte e della cultura portato avanti sul territorio. E così Franco è stata nei giorni scorsi ospite dell’organismo consiliare presieduto da Claudio Nigro.

In veste di consigliere relatrice, Maria Lucente ha, nel suo intervento, messo in luce la poliedrica attività di Giuliana Franco. Stimolante l’impegno che la poetessa ed artista cosentina ha profuso e continua a profondere all’interno della sezione locale dell’U.C.A.I. (Unione Cattolica Artisti Italiani) il cui fine ultimo è l’incontro tra artisti e intellettuali della città sul terreno della condivisione di un percorso spirituale in grado di stabilire un significativo connubio tra Arte e Fede.

L’eclettismo della Franco è un susseguirsi di libri di poesie (tra gli altri “Orizzonti di…versi” e “L’ineguagliabile viaggio”) e di opere d’arte che sconfinano nella digital art, segmento nel quale si è ritagliata un suo apprezzabile spazio, applicandola anche ad opere che descrivono angoli e scorci della Cosenza storica.

La ricerca di cui si rende protagonista, proprio per la propensione a star bene in collettivi artistici, suscita la condivisione e l’apprezzamento di altri artisti che non hanno voluto farle mancare il loro sostegno e la loro presenza anche nella seduta nel corso della quale Giuliana Franco ha ricevuto il consueto riconoscimento della Commissione cultura di Palazzo dei Bruzi.

Anche se ogni artista non ama mai parlare di sé stesso, Giuliana Franco si è prodotta nello “sforzo” di descriversi, definendosi un po’ come l’Albatros di Baudelaire, una lirica nella quale viene descritta la condizione del poeta deriso nella società borghese.

Albatros o meno, Giuliana Franco si dice attraversata dal fuoco sacro dell’arte, mostrando assoluta consapevolezza del fatto che i poeti sono sempre artefici del proprio destino, nel bene e nel male. Scrive da quando era adolescente, essendo cresciuta accanto allo zio, il poeta cosentino Ciccio Pasqua. Poi, nel 2002, la decisione di rompere gli indugi e di diventare poetessa a sua volta per l’impossibilità di resistere all’impulso di esprimere pensieri, raccontare emozioni e percorsi di vita.

“La poesia ci mette in connessione con la nostra interiorità, ma anche con gli altri – dice – e tutto si sublima in poesia.”

Sul versante più artistico, Giuliana Franco è convinta che l’opera d’arte dia un senso al tempo che passa e non appartenga a chi la realizza, ma a chi la fruisce. Tutto vero. E, a dimostrazione di questo assunto, i suoi estimatori crescono, a cominciare dalle presenze in commissione cultura che ha visto radunarsi, attorno a lei, un bel numero di operatori culturali che apprezzano l’arte in forma collettiva, senza protagonismi individuali o competizioni di sorta.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top