Cultura&Spettacolo

Presentata al BoCS Museum la rassegna concertistica “I luoghi, la storia, la musica”

Polimnia

COSENZA – Una rassegna concertistica che dal prossimo 28 febbraio proseguirà fino alla fine dell’anno, toccando alcuni tra i luoghi e le dimore storiche della città e dell’area urbana come il Teatro Rendano, Villa Rendano, il Duomo, il Museo dei Brettii e degli Enotri, il Parco del Merone, il Museo Civico di Rende. Leit-motiv della rassegna sarà proprio quello di legare gli incontri musicali ai luoghi storici dove si svolgeranno per conoscere o riscoprire il patrimonio artistico e culturale della nostra terra e farne uno strumento di attrattività turistica. A questo obiettivo, inoltre, si aggiunge la valorizzazione dei giovani talenti, nel settore del belcanto e dell’arte scenica, di cui Cosenza e la provincia sono particolarmente ricche.

La rassegna, dal titolo “I luoghi, la storia, la musica”, è promossa dall’Associazione culturale “Polimnia” e patrocinata dal Comune di Cosenza e può contare su un partenariato diffuso che include, tra gli altri, i Comuni di Rende e di San Vincenzo La Costa e diverse altre associazioni culturali che operano sul territorio.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina al BoCS Museum che aveva tenuto a battesimo il 6 gennaio scorso l’anteprima della rassegna  (il titolo era “Il fascino delle epifanie-I Re Magi e la stella di Bethlem” e la serata si concluse con un apprezzatissimo concerto lirico del tenore Andrea Tanzillo e del soprano Silia Valente, accompagnati al pianoforte da Andrea Bauleo). Alla conferenza stampa di presentazione hanno partecipato l’Assessore alla comunicazione, turismo e marketing territoriale Rosaria Succurro, la Presidente  dell’Associazione “Polimnia” e direttore artistico della rassegna musicale Luigia Pastore e l’Assessore alla cultura del Comune di Rende Marta Petrusewicz.

L’INTRODUZIONE  DI ROSARIA SUCCURRO

L’Assessore Succurro ha, nel suo intervento, riconosciuto la forte potenzialità del turismo musicale spiegando le ragioni per le quali il Comune di Cosenza ha inteso sposare questa importante iniziativa «perché – ha detto – la filosofia che la anima riflette perfettamente il percorso disegnato dall’Amministrazione comunale, in quanto in grado di coniugare i luoghi storici destinati al turismo con la musica. Infatti – ha aggiunto Succurro – la rassegna avrà un tassello importante proprio nel legame con i luoghi e i territori, attraverso la conoscenza o riscoperta di quei bellissimi palazzi storici e dimore nei quali si svolgerà. Chi è appassionato di musica – ha detto ancora l’Assessore al turismo – finirà con l’apprezzarla ancora di più in un luogo che profuma di storia. Per riconnettersi ancora meglio con le location dove si terranno i concerti sono state previste delle apposite visite guidate che ne racconteranno la storia”. A proposito del partenariato con gli altri Comuni e con le altre associazioni che operano sul territorio Rosaria Succurro ha, infine, concluso affermando che “la divulgazione del turismo culturale si fa anche e soprattutto con un’attività
condivisa”.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top