Cultura&Spettacolo

“Rende-Unical – Un piccolo teatro d’arte per l’area urbana”, debutto al Napoli Fringe Festival di “Edipo a Terzigno”

Inserito del programma 2013 del progetto di residenza “Un piccolo teatro d’arte per l’area urbana”, debutterà domani16 giugno (con replica lunedì 17), nell’ambito del Napoli Fringe Festival, lo spettacolo “Edipo a Terzigno – Quanno ‘a furmicula mette ‘e scelle è segno ca vò murì”, scritto, diretto e interpretato da Fortunato Cerlino, con Emanuela Ponzano, Massimo Zordan e Lino Musella.

Fruttodella collaborazione fra Teatro Rossosimona, Cerlino e l’Hermit Crab di Tropea, la nuova produzione della compagnia di Lindo Nudoha sostato, durante le fasi preliminari di studio, al Piccolo Teatro Unical, sede della residenza e luogo delle “prove aperte” finalizzate alla formazione di nuovo pubblico. Un esempio positivo di lavoro sinergico fra compagnie diverse, che porta la realtà teatrale calabrese oltre i confini regionali.

Traendo ispirazione dall’Edipo di Sofocle e da alcune vicende di cronaca, Cerlino racconta, attraverso musica, voci e registrazioni, il background di una città, Napoli, unica al mondo per cultura e specificità, in positivo e in negativo.Scrive il regista partenopeo nelle note:”Se le denunce di Saviano, Capacchione e Sodano, e di tanti altri che osano sfidare apertamente le connivenze tra camorra e politica nella gestione dei rifiuti, ci mettono di fronte ad una realtà che supera la fantasia, allora alla fantasia non resta che diventare mito”.

Alla messa in scena dello spettacolohanno collaboratoEster Tatangelo, aiuto regia, Evelyn Hanack alle coreografie, alle musiche Peppe Bruno, Teatro della Maruca/Angelo Gallo per le scene e i costumi e Samuele Ravenna alle luci.

 

Print Friendly, PDF & Email





To Top