Cultura&Spettacolo

Una Montagna di Pace, un evento per valorizzare il territorio

CARLOPOLI (CZ) – Domenica 26 giugno, presso l’Abbazia di Santa Maria di Corazzo, Carlopoli (CZ), si terrà Una Montagna di Pace, l’evento organizzato da Rivìentu – Coordinamento territoriale delle associazioni del Savuto Reventino, in collaborazione con La Carovana, gruppo territoriale di aiuto ai migranti.

La manifestazione intende raccogliere e attualizzare l’eredità dell’omonimo evento organizzato a partire dal 2004 dal Forum del Reventino di cui fu protagonista Bruno Arcuri. Ponendo l’attenzione, oggi come allora, sulle varie esperienze calabresi dal basso e di cittadinanza attiva, nel corso della giornata attraverso tavoli tematici di lavoro e dibattiti saranno riprese alcune antiche tematiche, quali la difesa dei beni comuni e l’emergenza ambientale della Calabria, alle quali andranno ad aggiungersi l’agricoltura sostenibile, il recupero e il rilancio delle aree interne, l’emergenza migranti e il moltiplicarsi dei centri di accoglienza.

La kermesse si aprirà alle ore 9:00 con un’escursione a cura di Discovering Reventino e Progetto Gedeone, cui seguirà, a partire dalle ore 10:30, un momento assembleare aperto alla cittadinanza per discutere di buone pratiche per lo sviluppo del territorio, cultura, ambiente, musica tradizionale, economia solidale, interazione tra migranti e territorio.

Nel pomeriggio, dopo la pausa pranzo, il collettivo di scrittura Manifest, con un’azione performativa in collaborazione con l’Associazione Scenari Visibili, aprirà e chiuderà il dibattito “Perché restare. Prospettive per le aree interne”, al quale interverranno Vito Teti, antropologo presso l’Unical e Mimmo Lucano, sindaco di Riace.

A seguire spazio alla musica. A partire dalle 17:00 si susseguiranno sul palco Onda Kalabra, Suoni Caotici Nomadi Cover Band, I Musicanti del Vento, Sabatum Quartet, L’evoluzione, Folk n’ Roll. Alle esibizioni musicali si alterneranno brevi momenti di riflessione e testimonianza su quanto di buono si è finora realizzato nel panorama dell’accoglienza e dell’integrazione calabrese. Sul palco si alterneranno Valerio Formisani, Enzo Infantino, Ahmed Berraou e i Teatrop con lo spettacolo “I maghi della pioggia”. La serata si chiuderà in compagnia di Rasdò.

Tanti altri momenti, frutto della stessa sensibilità e attaccamento al territorio, scandiranno la giornata: il mercatino del “Gruppo di Acquisto Solidale del Reventino”, “Leggere il Patrimonio” il laboratorio didattico per bambini realizzato da Museum Children Ebook, un angolo di poesia con Tonio Costanzo, musica e danza popolare in compagnia di Felici & Conflenti.

L’eventuale ricavato della giornata verrà destinato ad un progetto sulle tematiche approfondite e portate avanti da Rivìentu nel corso dell’anno appena trascorso che vedrà il coinvolgimento degli Istituti Comprensivi di Bianchi Scigliano e Rogliano, anch’essi partner promotori dell’evento di Corazzo.

Le associazioni ad aver aderito a Rivìentu sono: Fenice Bianca, Discovering Reventino, Conflenti Trekking, Felici & Conflenti, Gas del Reventino, La carovana, Progetto Gedeone, Forum del Reventino, Gruppo Spontaeo Colosimi, Associazione Pedivigliano 200, Centro Culturale Castagna.

Partecipano all’evento: Manifest, Teatrop, Equosud Reggio Calabria, Cotroneinforma, Collettivo Casarossa40, Rublanum, Sos Rosarno, Emergency, Medici senza confini, CalabriaXidomeni, Costanostra, Eco Faggeta Festival, PaxChristi, Fishonlus, Gruppo archeologico Amendolea.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com