Cultura&Spettacolo

Una mostra sui Longobardi del sud in memoria del professor Giuseppe Roma

presentazione libro

RENDE (CS) – Una grande mostra sui Longobardi del sud alla luce delle recenti scoperte fatte in Sila dedicata alla memoria del professore Giuseppe Roma: questa la proposta del soprintendente Abap per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone Mario Pagano a margine della presentazione del volume “Monasteri Italo-Greci (secoli VII-XI)” avvenuta lo scorso martedì all’Università della Calabria e che è stata occasione per commemorare la figura del docente Unical insieme a quella del bizantinista Filippo Burgarella.

«Era da tempo – ha affermato l’archeologo – che con il professore Roma parlavamo della possibilità di realizzare questa esposizione. Per la Calabria sarebbe un’occasione rilevante: la mostra, infatti, sarà arricchita dalle mine di ferro rinvenute sulle sponde del lago Cecita e rappresenterebbe una assoluta novità nel campo dell’archeologia medioevale». Il soprintendente, poi, ha dichiarato che: «È di prossima uscita un articolo che ho dedicato al docente sulla rivista Temporis Signa».

Roma e Burgarella sono stati ricordati anche dal direttore del Dipartimento di studi umanistici Francesco Garritano, dal professore Raffaele Perrelli e dall’assessore regionale Maria Francesca Corigliano.

All’incontro, moderato dalla docente Adele Coscarella, hanno preso parte Chiara Raimondo, presidente dell’Istituto di studi su Cassiodoro e sul Medioevo in Calabria e Giuliano Volpe, presidente della Consulta universitaria per le archeologie post-classiche.
Il volume che consta degli atti del convegno Monachesimo italo-greco (sec.VII-XI). Una lettura archeologica” tenutosi a Squillace lo scorso marzo vanta anche il contributo del soprintendente Pagano con un intervento sul Vivarium di Cassiodoro.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com