In Evidenza

Arpacal, allerta alghe nelle coste calabresi

Catanzaro- Potenziale allerta alghe nel mare calabrese. E’ quanto sembra profilarsi dalla valutazione dei primi risultati delle analisi svolte a seguito delle numerose segnalazioni raccolte dal Numero verde 800.331.929 attivato nell’ambito del piano operativo della task force Regione Calabria – Arpacal – Direzione Marittima. Dal primo documento d’aggiornamento presentato dai biologi dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria (Arpacal), riferito alla stagione balneare 2012 e consultabile sul sito www.arpacal.it nella sezione Dati Ambientali, in numerosi siti sui quali il personale tecnico dell’Agenzia e’ intervenuto con la Capitaneria di Porto, dopo le opportune verifiche e campionamenti, l’esito delle analisi ha dato il risultato della presenza di alghe.

”I primi risultati dei numerosi campioni prelevati nelle zone di criticita’, e’ stata riscontrata la presenza di fioritura algale di Gymnodinium sp.. Si tratta di alghe che non producono tossine pericolose per l’uomo ma determinano la formazione di schiume per la degradazione cellulare. Dal punto di vista microbiologico, valori fuori norma sono stati riscontrati solo alla foce del fiume Mesima. Anche nei campioni prelevati in prossimita’ del Fiume Mesima (comune di Nicotera) si e’ riscontrata una proliferazione di microalghe non tossiche del genere ”Gymnodinium sp.”, referto confermato anche dagli esperti del Centro di Ricerche Marine di Cesenatico”.

”Nel tratto di mare che interessa il comune di Torremezzo di Falconara Albanese (CS) – prosegue il documento – e’ stata riscontrata una massiccia presenza di mucillagine e nessun tipo di sostanze inquinanti. Questi aggregati gelatinosi, prodotti dall’essudazione delle alghe unicellulari, per effetto delle condizioni meteo- climatiche e di idrodinamismo favorevoli al loro sviluppo (elevate temperature e mare calmo), tendono ad aggregarsi in lunghe strisce galleggianti.

La presenza delle bolle, inoltre, e’ dovuta al fatto che durante tale processo, queste sostanze intrappolano una ricca flora di organismi unicellulari, la cui attivita’ metabolica provoca la formazione di gas, responsabile del galleggiamento della striscia”.

Anche nei campioni prelevati ad Amantea in localita’ Coreca, nella provincia di Cosenza – continua il documento Arpacal – ”e’ stata riscontrata una fioritura algale di ”Cartesia sp.”; si tratta di un flagellato marino non tossico appartenente alla classe delle Cloroficee, famiglia delle Clamydomonadacaee, presente soprattutto in prossimita’ di zone d’immissione di acqua dolce e responsabile sia della colorazione verdastra delle acque sia della presenza di chiazze oleose dovute ai fenomeni di degradazione di globuli di olio o di grasso che sono accumulati al suo interno come materiale di riserva. Nei campioni prelevati a Marina di Gioiosa (RC) in prossimita’ dell’Hotel Niagara, infine, e’ stata riscontrata una cospicua presenza di polline di Urticaceae, che addensandosi sulla superficie delle acque le rende opalescenti e a chiazze scure”.

 

Per maggiori informazioni: www.arpacal.it

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com