Istruzione&Ricerca

Le terme di Guardia Piemontese curano la psoriasi, lo dice una ricerca dell’ Università della Calabria

Secondo una ricerca pubblicata e portata avanti dall’Università della Calabria le famose acque delle Terme Luigiane di Guardia Piemontese, in provincia di Cosenza, contribuiscono alla riduzione della psoriasi, grave infezione cutanea, contribuendo alla riduzione dello spessore delle placche psoriasiche con recupero della componente elastica e viscosa della cute con riduzione degli edemi e recupero dei livelli di idratazione, plasticità e capacitanza elettrica dello strato corneo.

Recenti ricerche indicano che la disfunzione del sistema immunitario può essere coinvolta nella comparsa della malattia, che oggi rappresenta il 5-7% di tutte le affezioni dermatologiche con un’incidenza media nella popolazione di circa il 2%.

Nello studio condotto dai ricercatori dell’Università della Calabria sono state investigate le proprietà meccaniche della pelle nelle placche psoriasi prima e dopo un ciclo di trattamenti balneoterapici con l’acqua termale solfurea delle Terme Luigiane. Lo studio è stato condotto su 10 soggetti di sesso maschile affetti da psoriasi comune nei quali sono state analizzate 20 placche psoriasi, questi sono stati messi a confronto con 10 soggetti sani di età compresa tra 47 più e meno 15 anni. L’efficacia della terapia è stata osservata attraverso la valutazione delle proprietà biomeccaniche della pelle.

La ricerca, pubblicata con il titolo “Studio delle proprietà biomeccaniche della cute in soggetti affetti da psoriasi comune: efficacia della terapia con acqua termale sulfurea” è stata condotta dai ricercatori dell’Università della Calabria: Sergio Mazzulla, Virgilia Nicoletta e Settimio Sesti, del dipartimento di biologia cellulare; Ida Perrotta, del dipartimento di ecologia; nonché da Stefania De Stefano, direttore sanitario delle Terme Luigiane.

Un riconoscimento importante questo per le Terme Luigiane, che arriva in concomitanza con l’apertura stagionale e che porterà sicuramente ad un aumento delle presenze, già in gran numero quest’anno.

Print Friendly, PDF & Email





To Top