Politica

Prima giornata di assemblea per il Pd calabrese

CAMIGLIATELLO SILANO (CS) – E’ partita con la relazione del segretario regionale del Partito democratico, Ernesto Magorno, la due giorni di confronto organizzata per rilanciare l’azione del Pd in Calabria, a Camigliatello Silano, al complesso turistico “La Fattoria” in località Labonia. Al tavolo della presidenza dell’assemblea regionale, assieme a Magorno, la parlamentare Stefania Covello componente della segreteria nazionale del Partito, il presidente della Regione Mario Oliverio, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri Marco Minniti e inoltre il responsabile regionale dell’organizzazione Giovanni Puccio e il presidente dell’assemblea regionale Peppino Vallone. I lavori sono cominciati poco dopo le 17 e sono entrati nel vivo con la relazione del segretario regionale Ernesto Magorno. Un discorso ad ampio spettro quello del deputato, che ha parlato dei temi locali e nazionali, ma soprattutto della necessità di rinsaldare le fila del partito «l’unico partito esistente in Italia – ha detto – L’unico in cui si discute e ci si confronta. Ed il confronto è una ricchezza». Sul governo regionale ha aggiunto: «Mario Oliverio sta operando bene in un contesto difficile, ma ora bisogna accelerare. Sulla sanità – ha ha detto ancora – confermiamo la nostra linea sui commissari. Oggi però si parla del Pd calabrese, un partito che deve essere inclusivo. Non prendiamo lezioni dai Cinque Stelle e non abbiamo bisogno delle loro inutili manifestazioni come quella di Reggio Calabria. Proprio a Reggio Calabria, tra l’altro – ha annunciato Magorno – si terrà la festa dell’Unità regionale. Il Governo Renzi – ha proseguito Magorno spostando l’attenzione sulla politica nazionale – ha messo davvero la Calabria al centro della sua azione, ma noi deputati calabresi dobbiamo fare di più per una regione che purtroppo resta la Cenerentola del Paese. Il Pd deve ripartire dal basso, dai circoli, dalle segreterie locali, ascoltando i calabresi. Abbiamo bisogno di meno correnti e più partito e di una discussione collettiva. C’e’ bisogno -di un confronto continuo e costante e di decidere insieme. I sindaci siano parte del Direttivo dei circoli. Bisogna essere aperti e coinvolgere. Lunedì alle 12 presenterò la mia segreteria. Il problema – ha concluso – non è il segretario regionale, ma una classe politica che pensa a conservare lo status quo invece di dare spazio alle migliori energie».

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com