Nerd

[#Retrospettive] RPG Maker, come sono nati i J-RPG indipendenti più famosi

Sono sicuro che tutti voi, almeno una volta, avete provato un J-RPG, genere che da anni appassiona i videogiocatori di tutto il mondo. I vari titoli prendono spunto dal genere RPG occidentale, mantenendo la struttura basata sulle classi e sui punti esperienza, caratteristiche comuni in tutti i giochi di ruolo, aggiungendo però un battle-system a turni e introducendo una storia profonda basata su personaggi ben definiti e ambientazioni molto vicine alla cultura orientale.

Sono sicuro, inoltre, di un’altra cosa: se siete appassionati di questo genere vi sarete almeno una volta posti il problema “e se volessi creare un J-RPG con le mie mani?”.

rpg maker1

Per fortuna la Enterbrain ha sviluppato, e continua a sviluppare, una serie di tools che permettono, a chiunque non abbia voglia di studiarsi manuali e manuali di linguaggi di programmazione, di creare il proprio personale J-RPG: mi riferisco alla famosa serie RPG Maker.

Quindi partiamo con questa breve introduzione alla storica serie di engine.

La Enterbrain viene fondata nel 1987 dalla Kadokawa Corporation, come costola della ASCII, casa editrice dell’omonima rivista, per le pubblicazioni a tema videoludico.

Divenuta in seguito un’azienda indipendente pubblicò, oltre alle riviste dedicate ai manga, numerosi magazine riguardanti i media videoludici, tra cui il famosissimo settimanale Famitsū, e riviste più settoriali che trattavano specificamente una o più console o un genere in particolare. Si rivolgevano anche a fette di pubblico precise, come ad esempio alcune uscite dedicate totalmente alle videogiocatrici. Non sono mancate le eccezioni, come con Sarabure, rivista sulle corse dei cavalli.

Per vedere il primo RPGMaker i nostri appassionati di J-RPG (inizialmente solo giapponesi) dovettero aspettare fino al 1987, anno in cui uscì Dungeon Manjirou, tool di sviluppo orientato al genere dei dungeon crawler, mentre per accedere a qualcosa di più attinente allo sviluppo di J-RPG si è dovuto aspettare l’anno successivo per l’arrivo di Marmin, per il Nec PC8801, che a differenza della maggior parte dei sui seguiti permetteva di creare degli rpg con battle-system orientati all’azione rispetto a quello più classico basato sui turni.

Arriva il 1990 e finalmente vediamo uscire su MSX il primo titolo della serie, si tratta di Dante: RPG danteConstruction Tool e aveva già tutti i tratti distintivi che sarebbero stati una costante dei successivi, come la composizione della mappa di gioco, la creazione di entità e il tanto decantato battle-system a turni.

Da qui in poi inizia la vera e propria scalata al successo di questa famiglia di tool, infatti nel 1992 arrivano Action RPG Construction Tool: Dante 2, questo più che un seguito del titolo precedente si avvicinava di più a Marmin per il suo gameplay strettamente inspirato a Ys, action j-rpg  della Nihon Falcom, e RPG Tsukūru Dante 98 per Nec PC98, quest’ultimo è il primo titolo ad aver adottato il termine Tsukūru (fare in giapponese) con cui la serie e tutt’ora conosciuta in oriente.

Nel 1997, dopo numerosi spin-off per console, arriva RPG Maker 95, il primo su Windows nonché primo della famiglia ad essere giunto dalle nostre parti, prima sotto banco con delle traduzioni amatoriali e solo dopo molto tempo tradotto ufficialmente.

Questo tool sfruttava a pieno le potenzialità del sistema operativo della Microsoft, che permetteva una risoluzione a 640×480, il pieno supporto a formati audio Wave e Midi e un modernizzato battle-system, che questa volta proponeva un gameplay in prima persona in stile Earthbound.

Il titolo ebbe ottimi riscontri, portando lo sviluppatore a far uscire nel 2000 RM2K (RPG Maker 2000), questo nuovo titolo venne pubblicato fin da subito in occidente e permettendogli di diventare il capitolo più amato e usato di sempre, tutt’oggi utilizzatissimo nonostante l’età e i pochi cambiamenti rispetto alla versione precedente.

Dopo solo due anni uscì, esclusivamente in Giappone, Rpg Maker 2003, una versione revisionata di RM2K con l’aggiunta di un battle-system molto vicino a quello visto nei Final Fantasy classici.

Finiamo il nostro viaggio con gli ultimi capitoli XP, VX e VX Ace che rispetto ai tool precedenti, oltre alle varie migliorie all’interfaccia di sviluppo che li rendevano estremamente flessibili anche a chi non aveva mai messo mano a niente del genere, includevano l’interprete del linguaggio Ruby che permetteva allo sviluppatore di estendere l’engine.

Visto le parentesi aperte sui giochi potrebbero essere estremamente longeve visto l’abnorme numero di giochi prodotti con l’engine, sopratutto i fantazilioni di videogiochi creepy pasta, mi limiterò a segnalarvene solo alcuni:

 

To The Moon – RPG Maker XP

Uno dei videogiochi indie più amati ed apprezzati di sempre, sia dalla critica che dagli utenti. Un ottimo esempio di  titolo puramente narrativo realizzato col tool.

Neil Watts ed Eva Rosalene sono due scienziati della Sigmund Corp, azienda famosa per innestare nelle menti dei loro clienti, ormai in fin di vita, dei falsi ricordi per cancellare ogni rimpianto.

Riusciranno i nostri protagonisti a realizzare l’ultimo desiderio di Johnny, ovvero quello di andare sulla luna?

To-the-Moon-5.1

Kanye Quest 3030 – RPG Maker Vx Ace

Questo coff… coso… coff… ops… volevo dire gioco, è il più profondo di tutta la lista, sopratutto per la trama:

Kanye West esce a buttare la spazzatura e si ritrova, a causa di un wormhole, nell’anno 3030 in una città distopica dove a governare sono i cloni di alcuni famosi rapper americani.

Riuscirà il nostro Kanye a salvare il mondo e tornare a casa?

Altro che Final Fantasy o Dragon Quest, questo è il J-Rpg definitivo!

kanye quest 3030

Stai ancora leggendo questo articolo e non hai ancora giocato a Kanye Quest 3030?!?

Smettila di leggere e vallo a giocare Santo Cthulhu!

Ok, presupponendo che hai finalmente giocato a Kanye Quest 3030 possiamo continuare con la lista.

Yume NikkiRPG Maker 2003

Una vera pietra miliare e per alcuni versi il gioco più misterioso mai creato, visto che del suo autore Kikiyama non si sa praticamente nulla, come anche del reale significato del gioco.

Accompagneremo Madotsuki, una ragazza Hikikomori, nei suoi criptici sogni alla ricerca di 24 oggetti misteriosi.

Yume Nikki

-Alter A.I.L.A. Genesis – RPG Maker 2003
Titolo molto particolare, anche questo privo di elementi ruolistici, che dimostra quanto sia versatile questo fantastico tool: il gioco mischia elementi stealth, platform e J-Rpg creando un’esperienza unica nel panorama dei giochi indie.

alter aila

Super Columbine Massacre RPG – RM2K

Il titolo più famoso e criticato di sempre, visto il polverone che alzò quando fu rilasciato a causa delle tematiche toccate e la vena ironica che accompagna la storia. Il gioco racconta i tragici eventi del massacro alle Columbine High School nel 20 aprile del 1999, mettendo il giocatore nei panni di Eric Harris e Dylan Klebold, i due carnefici dell’attentato.

super columbine massacre

Corpse PartyRPG Tsukūru Dante 98

Ebbene si, il famoso brand che tutt’oggi sforna videogiochi, anime e manga è nato grazie a questo fantastico tool.

Nel gioco impersoniamo un gruppo di studenti dell’istituto Kisaragi che, dopo un rituale, vengono trasportati in un  universo dove la scuola è infestata dalle anime dei ragazzi che nel corso degli anni sono morti al suo interno.

Riusciranno a sopravvivere?

corpse party

Theia – RPG Maker 2000

Ok, su quest’ultimo va fatto un piccolo appunto.

Era il Cosenza Comics e noi della redazione giravamo come velociraptor famelici per gli stand, con l’obbiettivo di procacciarci qualche nuovo talento su cui fare un articolo. Passando dal cubo blu il mio occhio da lucertolone si è fermato su di loro e a quel punto mi sono detto: Perché non andiamo a importunare questi talentuosi giovani con una bella video-intervista?

Quindi se volete saperne di più non perdete la nostra video-intervista in arrivo fra qualche giorno su questi canali!

THEIA

Dopo questo lungo viaggio attraverso la storia di questi tool, senza dimenticare l’aiuto dello stesso wormhole di Kanye West che mi ha permesso di viaggiare nel tempo per recuperare informazioni, non posso che augurarvi un buon sviluppo!

 

Ah!

Non esitate a contattarci se volete che il freddo sguardo da lucertolone dei nostri redattori si soffermi sul vostro titolo e lo recensisca!

velociraptor gif

(Per la stesura di questo articolo a nessun giovane sviluppatore, velociraptor della redazione, otaku feticista degli J-RPG o spazzatura di Kanye West è stato fatto del male)

Pasquale De Rose

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com