Salute&Benessere

Salute: Trattamento chirurgico è più efficace dei farmaci per il controllo del Diabete di tipo 2

LONDRA – Uno studio della Cleveland Clinic presentato ieri al congresso dell’American College of Cardiologists (ACC) in corso a Washington conferma che la chirurgia bariatrica è superiore ai farmaci nel controllo della glicemia in pazienti con diabete di tipo 2. E’ quanto si legge in un articolo pubblicato oggi sul New England Journal of Medicine, la più autorevole rivista medica.
Lo studio denominato “STAMPEDE” (acronimo di Surgical Treatment and Medications Potentially Eradicate Diabetes Efficiently) ha coinvolto 150 pazienti con diabete di tipo 2 inizialmente e sottoposti a due interventi chirurgici (bypass gastrico o gastrectomia “sleeve”) o a terapia farmacologica (insulina e ipoglicemizzanti orali) e seguiti per almeno tre anni.

I risultati dimostrano che ben due tipi di intervento chirurgico, la sleeve gastrectomy e il bypass gastrico riducono la glicemia molto più della terapia medica. Anche se alcuni pazienti dimostrano una recidiva di  iperglicemia, i risultati rassicurano sulla sostanziale tenuta nel tempo dell’effetto anti-diabetico della chirurgia.
Sebbene lo studio non fosse strutturato per verificare differenze fra l’efficacia dei singoli interventi, i dati dimostrano una maggiore potenza terapeutica del bypass gastrico (maggiore riduzione della glicemia, maggiore riduzione dei farmaci anti-diabete) rispetto alla sleeve gastrectomy. In particolare, più di un terzo dei pazienti sottoposti a bypass gastrico non presenta alcun segno di malattia e non necessita di trattamento farmacologico a tre anni dall’intervento (remissione completa di malattia).

I risultati confermano inoltre che anche nei pazienti con obesità lieve o anche solamente in sovrappeso le percentuali di successo della chirurgia sono sostanzialmente simili a quelle osservate nei pazienti con obesità più severa.
Nonostante la preoccupazione abbastanza diffusa che l’intervento chirurgico possa risultare in effetti indesiderati che riducano la qualità di vita dei pazienti, i dati della Cleveland Clinic dimostrano esattamente il contrario. Infatti, entrambi gli interventi, ma soprattutto il bypass gastrico, migliorano la qualità della vita in misura molto maggiore della terapia farmacologica.

«E’ importante sottolineare che tutti gli studi clinici randomizzati fin ora eseguiti (con quello di oggi ve ne sono 5) dimostrano la superiorità della terapia chirurgica rispetto a qualsiasi farmaco anti-diabetico oggi disponibile». Lo afferma il professore italiano Francesco Rubino, da poco titolare della prima cattedra mondiale in chirurgia bariatrica al King’s College di Londra. Anche se non direttamente coinvolto nello studio, Rubino commenta con soddisfazione i progressi della sua teoria.
«Questo dimostra in maniera ormai incontrovertibile come la chirurgia sia da considerare una legittima opzione terapeutica per il diabete si tipo 2. Ciò però – aggiunge Rubino – non significa che tutti i pazienti con diabete debbano essere trattati chirurgicamente. L’indicazione alla chirurgia per il diabete può essere posta solo dopo una accurata valutazione del rapporto rischio-beneficio, caso per caso».
«Nel 1999 – ricorda il professore Rubino – quando per la prima volta proposi uno studio del genere al comitato etico del Mount Sinai di New York non riuscii ad avere l’approvazione: una terapia chirurgica per il diabete era allora sostanzialmente “impensabile”. Con lo studio di oggi sono almeno 5 i “trials” che hanno confrontato chirurgia e terapia farmacologica per diabete (uno di questi eseguito al Gemelli di Roma, in collaborazione con i Professori Mingrone e Castagneto): un segno di come l’idea di operare il diabete abbia ricevuto una attenzione crescente dalla comunità scientifica nel corso degli ultimi dieci anni».
«L’efficacia della chirurgia – conclude – anche in pazienti con obesità lieve nello studio di Cleveland è una ulteriore conferma, anche se indiretta, che i meccanismi d’azione della chirurgia sono indipendenti dalla perdita di peso, come dimostrato dai nostri studi sperimentali sui ratti, pubblicati esattamente dieci anni fa. Credo che l’evidenza clinica imponga oggi a tutti i medici che si occupano di pazienti con diabete di tipo 2 di considerare attentamente la necessità di una opzione chirurgica, specialmente quando la terapia farmacologica non arriva a garantire un controllo adeguato del diabete».

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com