In Evidenza

A1 M, Pala Bianchini amaro: Tonno Callipo ko in tre set

Calabresi sconfitti in trasferta sul campo dell’Andreoli Latina. I pontini si impongono in tre set. Si conferma, dunque, fortezza inespugnabile il Pala Bianchini per i giallorossi che non vincono a Latina dall’ottobre 2009. Per Forni e compagni è la quarta sconfitta consecutiva in campionato. Il capitano giallorosso: “Dobbiamo essere più umili e lavorare sodo”

Il Pala Bianchini si conferma una fortezza inespugnabile per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. I giallorossi di coach Chicco Blengini steccano la partita contro i pontini e cadono sotto i colpi degli attaccanti di casa. L’Andreoli si impone con il punteggio di 3-0 e riscatta la sconfitta dell’andata. Troppo molle la resistenza di Forni e compagni al cospetto di un avversario che ha messo sotto pressione i calabresi fin dalle prime battute del match. I ragazzi di Blengini hanno reagito nel terzo parziale, ma nel lungo periodo hanno dovuto alzare bandiera bianca di fronte alla compagine laziale. La Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia ha chiuso l’incontro con il 42% in attacco e con nessun giocatore in doppia cifra. Gavotto è stato il miglior realizzatore dei suoi con 9 palloni messi a terra.

Alberto Cisolla supera il muro dell’Andreoli Latina composto da Vehrees e Sottile (foto Lega Volley)

IL TABELLINO:

ANDREOLI LATINA – TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-0 (25-19, 25-19, 25-22)

ANDREOLI LATINA: Starovic 15, Skrimov 16, Verhees 6, Sottile 1, Fragkos 13, Gitto 6, Rossini (L), Fortunato. Non entrati: Paris, De Rocco, Michalovic, Noda Blanco. All.: Simoni

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Trinidad De Haro, Plot, Steuerwald, Randazzo 7, Farina (L), Forni 4, Cisolla 6, Villena 4, Crer 7, Gavotto 9, Ogurcak 1. Non entrati: Presta, Sardanelli (L2). All.: Blengini

ARBITRI: Braico e Zanussi

NOTE: spettatori 840. Durata set: 25’, 24’, 33’. Tot.: 82’. Mvp: Skrimov

IL POST-PARTITA NELLE PAROLE DEL CAPITANO MARCELLO FORNI: “Dobbiamo tornare con umiltà a lavorare più sodo. L’Andreoli ci ha messo pressione già dall’inizio e noi abbiamo sofferto il loro gioco. Ripeto dobbiamo essere più umili e lavorare sodo”.

Print Friendly, PDF & Email





To Top