Calcio

Andreoli: «Non meritavamo di perdere. Rigore sanzione eccessiva»

Rende_AngeloAndreoli

VIBO VALENTIA – Il Rende si lecca le ferite dopo la terza confitta consecutiva. E anche stavolta i biancorossi recriminano per una dubbia decisione arbitrale che li avrebbe eccessivamente puniti.

Andreoli amareggiato

«Preferirei soprassedere sull’aspetto arbitrale, altrimenti creerei degli alibi. Ritengo che una squadra fortissima come la Ternana non avesse bisogno di regali arbitrali, mi sembra che la sanzione del rigore sia severa. Mi dispiace notare una disparità di trattamento, delle situazioni valutate in modo diverso – dichiara a fine gara il tecnico di Fuscaldo esternando tutto il suo disappunto -. Concedetemi il beneficio del dubbio sul rigore perchè la mia impressione è che la sanzione fosse abbastanza severa, ma rivedrò le immagini…».

Tuttavia Andreoli non si fa prendere completamente dall’amarezza del momento e precisa: «Resta il fatto che la Ternana sia una signora squadra, con un parco giocatori di qualità e spessore che è venuta a giocarsi la partita, partita che la mia squadra non meritava di perdere. Il pareggio sarebbe stato ampiamente alla nostra portata».

Sul futuro

Non appena verrà smaltita la delusione in casa Rende ci sarà però da riflettere anche sulle cose che ancora vanno perfezionate. Così a chi gli fa notare che forse la sua squadra è ancora poco incisiva davanti Andreoli risponde: «Dobbiamo aver più autostima e credere di più in noi stessi. La squadra sta cercando di assimilare il lavoro fatto in settimana. Speriamo di raccogliere dei frutti quanto prima perchè adesso la situazione si fa pesante. Ci sono delle qualità che dobbiamo sfruttare».

Adesso le prossime partite con Vibonese e Teramo diventano un vero e proprio spartiacque: «Saranno partite per noi fondamentali», dice Andreoli.

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com