Calcio

Calcio a 5: pareggio positivo per il Città di Cosenza a Reggio Calabria

CT Maestrelli C5 – Città di Cosenza c5 1-1

CT Maestrelli C5: Calabrò, Suraci, Lorenti, Giunta, Arcudi, Nigero, Postorino, Minniti, Gattuso, Quartuccio, Oliva, Lo Giudice.
 
Città di Cosenza C5: Cuconato, Casella; Marigliano, Franzè, Fortino C., Naccarato, Galiano, Milano, Chillà, Potestio, Porco, Paolozzo. Allenatore: Mendicino.
 
ARBITRI: Brogna di Vibo Valentia e Carbone di Locri.
 
MARCATORI:
– pt: Fortino C. (CS), Lorenti (M)

Cronaca

Al centro sportivo “Mirabella” di Reggio Calabria va di scena la quarta giornata del massimo campionato regionale di calcio a 5 tra la Maestrelli ed il Città di Cosenza. Diverse le motivazioni per entrambe le squadre: i locali vogliono confermare quanto di buono fatto nel primo tempo della scorsa giornata contro la “corazzata” Futsal Polistena; ospiti che, nonostante le defezioni per infortunio di Fortino M. e Pagliuso, vogliono riscattare il passo falso casalingo contro il Mirto.
Pronti, via e sono subito pericolosi i rossoblù con Galiano, due tiri di Potestio e con Milano ma è attento il giovane portiere locale Calabrò. Non è da meno il dirimpettaio Cuconato quando si fa trovare pronto nel deviare in angolo il tiro dalla distanza di Gattuso e, dopo qualche minuti, la conclusione ravvicinata di Giunta. Al 13° interessante punizione dal limite per il Città di Cosenza, si incarica di batterla Potestio ma Calabrò ci mette il corpo e respinge. Due minuti dopo Cuconato devia sulla traversa il tiro a botta sicura di Lorenti. Dopo tante occasioni non sfruttate da entrambe le squadre al 20° Fortino C. piazza la zampata vincente per il vantaggio ospite. Immediata la risposta della Maestrelli con Lorenti che pareggia i conti al termine di un’azione con il compagno di squadra Nigero.
Durante l’intervallo mister Mendicino prova a scuotere Galiano e compagni che tentano invano di scardinare l’attenta difesa ospite. I reggini però sono più pericolosi e per ben due volte Lorenti va vicino alla rete del vantaggio: prima è bravo nel vedere il portiere ospite lontano dai pali e provare la conclusione che termina di poco alta sulla traversa, al 28° invece impegna duramente Cuconato con un tiro da dentro l’area di rigore. Sarà l’ultima emozione della partita che, dopo due minuti di recupero, termina con un giusto pareggio.
Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com