Calcio

Cosenza, un punto che ne vale tre

Un Cosenza non bellissimo ma fortunato trova il punto della vita a Torre Annunziata contro il Savoia, diretta concorrente per la salvezza, con un gol al 95′ di Blondett: la più classica delle sfangate, insomma, che regala agli uomini di Roselli un punto d’oro e maggiore sicurezza nei propri mezzi, grazie anche al prorogarsi della striscia positiva iniziata due giornate fa contro il Messina.

Il Cosenza si schiera in campo con Ravaglia tra i pali, solita difesa a quattro composta da Sperotto, Magli, Tedeschi e Ciancio, centrocampo a due con Caccetta ed Arrigoni a coadiuvare le tre mezzepunte Zanini, Mosciaro e Fornito, a sostegno dell’inamovibile Cori.

Le due squadre iniziano studiandosi per circa una ventina di minuti, se è vero che fino al ventitré l’unica cosa da segnalare sono due episodi in area di rigore rossoblu’ su cui il signor Maldarelli da Brescia soprassiede ed un tiro di Del Sorbo ben respinto da Ravaglia, ma con il numero nove di casa fermato in offside. Al 28′ buona conclusione dai 27 metri di Arrigoni che supera di una ventina di centimetri l’incrocio dei pali, spegnendosi sul fondo, mentre una decina di minuti dopo Cori prova a spizzare per Fornito che viene anticipato da Santurro. Al 40′ si rivede il Savoia in avanti, causa una disattenzione di Tedeschi che regala palla a Malaccari il quale, a sua volta, non arriva sul pallone; dall’altra parte Caccetta, imbeccato da Arrigoni, stacca male e non crea patemi a Santurro. Un minuto prima del termine dei regolamentari 45′ Di Nunzio ci prova su calcio piazzato da più di trenta metri, ma Ravaglia è attento e respinge; il pipelet rossoblu’ non è invece attentissimo su un cross dalla destra di Malaccari che è costretto a bloccare in due tempi proprio un secondo prima del fischio arbitrale che segna il termine della prima frazione.

La ripresa inizia in maniera differente, con un Cosenza combattivo che ci prova subito con Cori, il cui tiro termina alto sulla traversa; ancora rossoblu’ avanti al minuto cinque con un tiro centrale di Mosciaro seguente ad una stupenda azione personale di Sperotto, mentre bisogna attendere lo scoccare del minuto 10 per un’azione offensiva dei bianchi di Torre Annunziata, i quali ci provano con una conclusione di Gallo che termina larga laddove, qualche minuto dopo, D’Appolonia, subentrato a Del Sorbo, spara in bocca a Ravaglia una conclusione facile facile; è il preludio al gol casalingo che arriva al 17′: disimpegno errato di Tedeschi ed Arrigoni, ne approfitta Gallo che fa filtrare il pallone verso Di Piazza, Blondett sbaglia l’anticipo ed il numero 18 incrocia benissimo sull’uscita di Ravaglia. Ci crediate o no, la partita sembra praticamente terminare qui: ci vuole il 2′ di recupero per vedere uno sforzo concreto del Cosenza avanti che è tutto in un orribile tiro di Blondett, terminato mestamente sul fondo. Quando tutto sembra perduto, però, il Cosenza guadagna un calcio d’angolo, il primo della partita: Arrigoni la mette in mezzo deliziosamente e proprio il genovese, subentrato a Ciancio nel corso della prima frazione, piazza la sfera alle spalle di Santurro e fa 1 – 1.

Un punto che è una boccata d’ossigeno per il Cosenza, che ha visto annullarsi il vantaggio capitalizzato nel doppio impegno casalingo (Messina – Vigor) fino all’ultimo secondo di gioco: la sfangata di Blondett è di quelle da ricordare, proprio perché arriva da uno dei peggiori in campo, tra i colpevoli del gol subito: ora Roselli deve continuare questa striscia positiva nei prossimi scontri diretti, quando i Lupi avranno davanti l’Ischia al San Vito ed il Martina Franca in Puglia, per portare la squadra fuori dalle zone fangose e farle respirare aria di metà classifica: sembra poco, ma per il Cosenza sarebbe già un mezzo miracolo.

Francesco La Luna

 

SAVOIA – COSENZA 1 – 1

COSENZA: Ravaglia; Ciancio (43′ pt Blondett), Tedeschi, Magli, Sperotto; Caccetta, Arrigoni; Zanini, Mosciaro, Fornito (25′ st De Angelis); Cori (13′ st Mosciaro). A disp: Saracco, Corsi, Criaco, Sassano, De Angelis.

SAVOIA: Santurro; Cremaschi, Di Nunzio, Sirigu, Sabatino; Malaccari, Gallo (40′ st Sevieri), Calzi, Sanseverino (8′ st D’Appolonia); Del Sorbo (12′ st Di Piazza), Scarpa. A disp: Falcone, Veruschi, Checcucci, Cipriani.

MARCATORI: Di Piazza (S) 17′ st, Blondett (C) 45′ st + 5′

AMMONITI: Caccetta (C), Calzi, Di Piazza, Malaccari(S)

RECUPERO: 2′ pt; 5′ st.





To Top