Calcio

Il Crotone non perdona: splendida rivincita sul Pescara. Allo Scida si sogna la A

ff3b99b3-87c5-4931-9002-3099253a8236Allo Scida le squadre scendono in campo per disputare il posticipo domenicale della Serie B ConTe.it valido per la 32ª giornata di campionato. Il Crotone deve rispondere al Cagliari che ha vinto in casa del Vicenza e si è riportato in vetta alla classifica.
Il match si conclude sul risultato finale di 4 a 2 in favore del Crotone.

Mister Juric si affida al classico 3-4-3; deve però rinunciare a Salzano, Capezzi e Di Roberto che sono squalificati, mentre Yao e Fazzi sono ancora indisponibili a causa di un infortunio. Massimo Oddo opta per un 4-3-2-1, con Lapadula che sfida il bomber di casa Budimir.

Al fischio dell’arbitro Maresca, il Crotone batte palla. La partita si sblocca subito con la rete che permette ai padroni di casa di portarsi in vantaggio: al 5′, sugli sviluppi di un corner calciato da Paro, Claiton sorprende la difesa bianco azzurra e infila la palla di testa. Crotone 1 Pescara 0. Gli ospiti cercano di rispondere subito, ma non trovano gli spazi per aggredire. Al 9′ si fa vedere anche Budimir che tocca per Ricci, ma il sinistro termina di poco alto sulla traversa. In casa i rossoblu hanno sempre imposto il loro gioco; l’arbitro interviene tanto per tenere il controllo del match, molto sentito da entrambe le parti. I rossoblu continuano a pressare e al 16′ trovano il gol del raddoppio: Palladino sbuca da una mischia in area e calcia di destro. Crotone 2 Pescara 0. Ma la partita non si spegne. Dopo i primi venti minuti di gioco gli abruzzesi sembrano entrare nella partita e al 25′ ci provano con Lapadula, palla fuori. I delfini hanno trovato il loro equilibrio e al 27′ trovano anche il gol che accorcia le distanze: Caprari calcia di destro da fuori area, Lapadula devia di poco la traiettoria e mette in rete. Crotone 2 Pescara 1. La gioia dura poco perché, appena due minuti dopo, il Crotone segna il gol del 3 a 1: Palladino crossa dalla sinistra, Fiorillo sbaglia a calcolare i tempi di uscita e Zampano ne approfitta, colpendo di testa. Crotone 3 Pescara 1. I ritmi di gioco si sono nettamente alzati e sono spezzati solo dai numerosi interventi arbitrali. I rossoblu riescono a riprendere in mano la partita, ma gli ospiti non mollano la presa e al 31′ sfiorano il gol prima con Lapadula, poi con un sinistro di Verre al 43′ che viene deviato in corner. Il match si conferma entusiasmante e ricco di emozioni. Il primo tempo termina dopo tre minuti di recupero e sul risultato parziale di 3 a 1 a favore dei padroni di casa.

Foto F.C. Crotone Pagina Ufficiale

Foto F.C. Crotone Pagina Ufficiale

La seconda frazione di gioco inizia senza cambi e con il Pescara che tocca il primo pallone. Dopo appena due minuti dall’inizio, gli abruzzesi si rendono pericolosi sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma Martella difende la sua porta fermando il tiro di Lapadula. Al 53′ il Crotone si porta nell’area di rigore avversaria, il sinistro di Zampano viene deviato in corner. Ed esattamente come nel primo tempo,  i rossoblu vanno a segno: dalla bandierina va ancora Paro, sulla palla arriva Ferrari che colpisce di testa. Crotone 4 Pescara 1. I bianco azzurri rimangono aggrappati al match che l’undici di Juric sta decisamente comandando. Quando al 64′ Maresca assegna un penalty al Pescara, che Memushaj trasforma battendo Cordaz, la battaglia si infuoca ancora di più. Crotone 4 Pescara 2. Manca mezz’ora alla fine e i gol segnati sono già sei! Una gara davvero avvincente tra due delle migliori squadre del campionato di Serie B che non smettono di darsi battaglia. Al 77′ uno splendido intervento del numero 1 di Juric nega a Pasquato la gioia del gol. Il Crotone risponde con un tiro a giro di Palladino, che Fiorillo spedisce in angolo. Gli ultimi dieci minuti non lasciano respiro. È un botta e risposta: all’81’ Sabbione serve Budimir che tira al volo, ma Fiorillo compie un miracolo; all’82’ Lapadula ci prova di destro, ma la palla vola alta. La partita finisce al 95′, dopo quattro minuti di recupero. Crotone batte Pescara 4 a 2.

Con questa vittoria, i rossoblu volano di nuovo al comando della classifica e si portano a +1 dal Cagliari e a +14 dal Novara, quando mancano appena dieci turni alla fine del campionato. Ottima prestazione e ottimo spirito. I ragazzi di Juric e tutta la città di Crotone possono davvero iniziare a sognare.

TABELLINO

CROTONE: Cordaz; Garcia Tena (56′ Ferrari), Claiton, Ferrari; Zampano, Barberis, Paro (78′ Sabbione), Martella; Ricci (83′ Stoian), Budimir, Palladino. A disp: Festa, Balasa, Modesto, Delgado, De Giorgio, Torromino. All. Juric

PESCARA: Fiorillo; Crescenzi, Fornasier, Mandragora, F. Zampano;  Torreira (78′ Verde), Verre, Memushaj; Caprari (84′ Cocco), Benali (58′ Pasquato); Lapadula. A disp: Aresti, Selasi, Zuparic, Bruno, Mitrita, Vitturini. All. Oddo

Reti: 5′ Claiton (C), 16′ Palladino (C), 27′ Caprari (P), 29′ G. Zampano (C), 53′ Ferrari (C), 66′ Memushaj su rigore (P)

Arbitro: Maresca di Napoli
Assistenti: Bottegoni di Terni e Di Iorio di Verbania
Quarto uomo: Martinelli di Roma2

Ammoniti: Garcia Tena (C), G. Zampano (C), Lapadula (P), Claiton (C), Budimir (C), Cremonesi (C)

Corner: 5 a 8

Rec: 3’pt, 4’st

Note: 67′ allontanato dalla panchina Juric (C) per proteste

Spettatori: 8.736

di Patrizia Palermo

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com