Calcio

La Reggina si butta via, sconfitta anche contro la Juve Stabia

JUVE STABIA – REGGINA 2-1

JUVE STABIA (4-4-2): Branduani; Nava, Redolfi, Bachini, Crialese; Viola, Mastalli, Lisi, Canotto (86’ Allievi); Paponi (90’ Costantini), Simeri (68′ Strefezza). A disposizione: Polverini, Morero, Dentice, Gaye, Awua, Calò, Capece, Matute, Zarcone, D’Auria, Berardi. Allenatore: Caserta

REGGINA (4-3-1-2): Cucchietti; Pasqualoni, Laezza, Gatti, Solerio; Marino, Mezavilla, De Francesco (76’ Sparacello); Fortunato (83’ Di Livio); Tulissi, Bianchimano. A disposizione: Licastro, Turrin, Auriletto, Di Filippo, Tazza, Amato. Allenatore: Maurizi

ARBITRO: Daniele De Santis della sezione di Lecce (Pierluigi Mazzei di Brindisi e Alessandro Salvatori di Rimini)

MARCATORI: 16’ Fortunato, 63’ Viola, 73’ Bachini

NOTE – Spettatori 1500 circa. Ammonito Fortunato. Recupero: 1’ pt e 3′ st.

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA) – Match delicato quello fra Juve Stabia e Reggina. La squadra di Castellammare di Stabia è ad un punto soltanto dalle posizioni playoff e cerca una vittoria per mettere pressione alle dirette concorrenti. Dall’altra parte la Reggina di Maurizi, dopo un inizio di stagione molto convincente, è in crisi nera ed una classifica che inizia a farsi preoccupante con un misero più 3 dalla zona playout.

Con queste premesse i tecnici si affidano poco alla fortuna ed alle scommesse, puntando molto sui calciatori più importanti. Caserta si affida al solito 4-4-2 con Paponi dal 1’ in tandem con Simeri, Canotto e Lisi a presiedere sulle fasce laterali. Calabresi in campo con il 4-3-1-2 e con il bomber Bianchimano fin da subito, come ipotizzato in settimana. In difesa Gatti prende il posto di Di Filippo mentre sulla trequarti viene avanzato Fortunato.

Fortunato a sorpresa per la Reggina

Avvio a rilento delle due squadre a causa anche del forte vento che soffia sul “Menti”. Ma alla prima occasione del match la Reggina passa in vantaggio: contropiede micidiale degli ospiti definito alla perfezione dalla conclusione vincente di Fortunato che batte l’incolpevole Branduani per lo 0 a 1. Padroni di casa che provano a reagire senza mai creare grossi problemi a Cucchietti. Sul finire del primo tempo Canotto spreca un rigore in movimento, mancando il bersaglio grosso.

Viola e Bachini per la rimonta campana

Seconda frazione che si apre come la prima, squadre che si studiano molto ma alla prima occasione da gol si segna. Questa volta è toccato alla Juve Stabia con Viola che, dagli sviluppi di un corner, in corsa di sinistro batte l’estremo difensore amaranto. I campani ora prendono coraggio mentre la Reggina sembra impaurita, non riuscendo più ad uscire dalla propria metà campo. E così, dopo pochi minuti, la Juve Stabia ribalta la situazione. Altro corner, Bachini in un terzo tempo perfetto impatta la palla per il 2 a 1. La rimonta è completata. Ma altra clamorosa dormita della difesa ospite che, per la seconda volta, lascia completamente un avversario libero di colpire. Il 90’ arriva così presto e gli amaranto mancano ancora una volta i tre punti (ultima vittoria il 28 ottobre con il Catania) inguaiandosi sempre di più in classifica.

Print Friendly, PDF & Email





To Top