Approfondimenti e Interviste

Mattia Paparo segna il gol della vita: contratto con la Juve

11947680_397859460418702_6077078106886254525_nFino alla scorsa settimana, Mattia Paparo era quasi sconosciuto al grande pubblico dello sport del calcio. Come sempre accade, non sei nessuno se non fai parte di un grande team calcistico. Pochi ti seguono, pochi ti sostengono e pochi credono che tu possa diventare una grande promessa. Pochi, fino a quando non accade una cosa che ti cambia la vita: la firma di un contratto con la Juventus Football Club S.p.A.

Classe 2000 e originario di Cariati, Mattia ha sempre vissuto nella città di Crotone ed è proprio qui che la sua storia ha avuto inizio. “Ho cominciato a giocare a calcio quando avevo 5 anni – racconta Mattia – Giocavo sotto casa. Non era importante avere un campetto di calcio con l’erbetta verde, io giocavo in mezzo alla strada. Avevo bisogno solo di un pallone e il resto non esisteva più. Ero il ragazzo più felice del mondo. Grazie a mio fratello Davide – continua il piccolo di casa Juve – ho deciso di iscrivermi a una scuola di calcetto. Lui ha insistito, ma io ho accettato perché mi piaceva!” Inizia così l’avventura alla “Big Sport Crotone” dove Mattia ha giocato per ben otto anni, abbandonando poi per essere accolto nella squadra del Cariati Calcio nel 2014. Il passaggio è avvenuto sempre con l’incoraggiamento del fratellone che, appena saputo dell’arrivo dell’ex giocatore Vittorio Tosto come Presidente onorario della squadra cariatese, lo ha incoraggiato a fare il grande passo. “Sono stato lì un anno e dopo due provini fatti con la Juventus, ora eccomi qui a realizzare il mio sogno!” – continua il giovane calciatore. E di un vero e proprio sogno si tratta perché la Vecchia Signora è anche la squadra del11882844_725961224215777_2145697043586265440_o suo cuore. “Vorrei ringraziare – conclude Mattia – tutta la mia famiglia, compresi quelli di Cariati che hanno creduto sempre in me e mi hanno sostenuto. Mio fratello Davide che avrebbe voluto essere al mio posto, ma che purtroppo non ci è riuscito e mi ha sempre sostenuto e ora è orgoglioso di me; anche Vittorio Tosto e Sabatino Tosto che mi hanno dato la possibilità di farmi notare dalla Juventus.” L’esterno destro del settore giovanile juventino confessa di sentirsi felice, ma che deve impegnarsi “per riuscire a realizzare il mio sogno e rendere felice tutta la mia famiglia che crede in me e che, spero, non deluderò.”

Mattia è già sceso in campo per giocare il 22 agosto un’amichevole ad Alessandria.

di Patrizia Palermo

Print Friendly, PDF & Email





To Top