8@31

Donate tre sculture contemporanee al Mab di Cosenza

Corso-Mazzini1_jpgCOSENZA –  Le sculture “Testa di Cariatide” di Amedeo Modigliani, “Spirale 82” di Giò Pomodoro e la “Grande maternità” di Antonietta Raphaël Mafai sono state donate al museo all’aperto Bilotti (Mab) di Cosenza. Le opere saranno collocate, come tutti gli altri capolavori di maestri come Mimmo Rotella, Salvador Dalì e Giorgio de Chirico, lungo l’elegante e affascinante corso Mazzini, la via principale della città calabrese.

“La Testa di cariatide” di “Modì” è la fusione in bronzo di un modello in legno del 1910, oggi conservato in museo australiano. Nel periodo in prevaricava l’astrattismo, Modigliani rimase legato alla grande cultura figurativa rinascimentale e in quest’opera è riconosciuta una delle più alte sintesi di classicismo e purezza.

“Spirale 82” di Giò Pomodoro è ascrivibile al ciclo degli Alberi ed è forse uno dei più caratterizzanti esempi, in scala monumentale, dei movimenti a spirale che sono stati fra i temi cardine della ricerca dell’artista. L’opera è dedicata a Giacomo Leopardi, di cui sono scolpiti sulla parte più bassa alcuni versi tratti dal’Infinito: “…Così tra questa immensità s’annega il pensier mio e il naufragar m’è dolce in questo mare.”

Nella “Grande maternità” della Mafai, infine è sintetizzata tutta la poetica dell’artista, unica donna attualmente presente al Mab. La sua produzione è segnata da una concezione vigorosamente antiaccademica che viene trasferita nella materia delle sue sculture: pietra e bronzo. Una tenera e vibrante carnalità, per un’epica stagione dell’arte in Italia, di cui l’opera è uno straordinario esempio.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com