8@30 in piazza

Dall’assessore Salerno gli Ex Lsu della scuola a rischio licenziamento

CATANZARO – Si è svolto a Catanzaro un incontro tra l’assessore Nazzareno Salerno, l’assessore all’Ambiente Gianluca Gallo, il responsabile Regionale di categoria dell’USB Domenico Motta, i lavoratori Ex Lsu Roberto Gabriele e Giuseppe Gaetani.

L’incontro si è reso necessario a seguito della grave situazione lavorativa in cui si sono venuti a trovare gli Ex Lsu. Si tratta di 1250 lavoratori che svolgono da 18 anni mansioni di pulizia e di bidellaggio, presso quasi la totalità delle Scuole della nostra Regione (11.500 su tutto il territorio nazionale). Molti di loro sono prossimi alla pensione, mentre la rimanenza ha un’età media di cinquant’anni. Precari a vita, sfruttati da ditte appaltatrici, quando a loro spettava di diritto l’assunzione nella Scuola fin dal 2001, epoca in cui avevano già maturato cinque anni di anzianità di servizio. Ma anziché essere assunti dal Miur vennero stornati alle dipendenze di grandi consorzi nazionali di cooperative.

Oggi c’è solo una certezza: dal primo marzo si troveranno inesorabilmente sul lastrico, scaricati come stracci vecchi, alcuni hanno già ricevuto il telegramma di licenziamento da parte della cooperativa di appartenenza, altri nella migliore delle ipotesi si vedranno dimezzare da 800 euro a 400 il già misero salario. L’attuale criticità è dovuta agli effetti della Spending Rewiev che ha indotto il MIUR a praticare tagli indiscriminati, assegnando alla Consip la gestione di questi appalti, ma soprattutto alle scelte politiche sbagliate di questi anni.

Al termine della riunione il delegato sindacale USB, Motta, ha consegnato all’assessore Salerno una mozione di cinque pagine, dove viene ampiamente descritta la reale situazione, con dimostrazione effettiva che si possono tagliare gli sprechi, eliminando l’intermediazione di manodopera e con la preghiera di farsi da tramite presso il Governo per bloccare questo scempio sociale.

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top