Attualità

Cosenza, individuati i plessi da destinare al progetto “Poli per l’infanzia”

COSENZA – L’Amministrazione comunale di Cosenza avvia il progetto di realizzazione dei Poli per l’Infanzia, istituiti dal Decreto Legislativo 13/2017, quale sistema integrato di educazione ed istruzione dalla nascita ai sei anni di età.

«Accogliamo e diamo seguito a questo orientamento – afferma l’assessore alla scuola Matilde Spadafora Lanzino –  che non è formale ma sostanziale. È un nuovo modo di intendere l’asilo, che parte dal dato riconosciuto che quanto assorbito dai bambini nei primi tre anni è fondamentale per tutta la loro vita. Il Polo per l’Infanzia – conclude – è dunque un innovativo progetto educativo che accompagna i bambini dalla nascita fino ai sei anni offrendo loro, in continuità,  esperienze progettate nel quadro di uno stesso percorso educativo, in considerazione dell’età e nel rispetto dei tempi e degli stili di apprendimento di ciascuno».

La prima fase è quella dell’adeguamento strutturale. Va in questa direzione la delibera approvata dalla Giunta comunale, presieduta dal Sindaco Mario Occhiuto, su proposta dell’assessore alla riqualificazione urbana Francesco Caruso e del Dirigente del Settore Infrastrutture Francesco Converso. A seguito di sopralluoghi congiunti – assessorato alla scuola e assessorato ai Lavori Pubblici – sono stati individuati i tre plessi scolastici da riqualificare per poter accogliere i Poli per l’Infanzia, individuando gli spazi interni ed esterni adeguati a realizzare il progetto di un sistema integrato di educazione (nido, utenti da 0 a 3 anni) e istruzione (scuola dell’infanzia, utenti da 3 a 6 anni), con un conseguente incremento numerico dei posti disponibili per il nido. Da sud a nord della città, i plessi sono quelli di via Milelli (IC Zumbini), di via Giulia (IC Gullo) e di via Saverio Albo (IC Don Milani-de Matera).

L’intervento, finanziato per buona parte con fondi della Regione Calabria sulla quale ricade la competenza, sarà inserito nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche 2019/2021, e prevede che la prima fase, quella relativa all’adeguamento strutturale, venga ultimata entro giugno 2019.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com