Emergenza carceri: sovrafollati e carenti di agenti. Vertice in Prefettura a Cosenza

COSENZA – Un importante momento di confronto si è avuto questa mattina in Prefettura tra i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali del Personale di Polizia Penitenziaria in stato di agitazione, il Provveditore Regionale del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e i direttori delle Case circondariali di Cosenza e Corigliano Rossano relativamente alla situazione di forte disagio lamentata dagli stessi e dovuta principalmente a carenza di personale e a sovraffollamento delle predette strutture che non consentirebbero il normale svolgimento dei servizi d’istituto.

I rappresentanti sindacali hanno inteso ribadire le gravi difficoltà operative che affliggono i lavoratori del settore; difficoltà che, come emerso nel corso della riunione, sono ampiamente conosciute dai vertici di quell’Amministrazione.

Alcune prime rassicurazioni sono già state fornite dal Provveditore regionale intervenuto che ha mostrato grande disponibilità.

Per quanto attiene alla carenza di organico che è comune a tutti gli Istituti penitenziari della regione, ha evidenziato che sono in atto continue interlocuzioni con la Direzione Generale del Personale; per quanto concerne il sovraffollamento la situazione è critica in tutte le strutture del territorio nazionale, ma vengono comunque, garantiti alla popolazione detenuta gli spazi detentivi stabiliti dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo.

  I direttori delle due case circondariali presenti, nel richiamare le peculiarità delle due strutture, hanno sottolineato il massimo impegno che viene quotidianamente profuso per garantire con le risorse disponibili le migliori condizioni di sicurezza del personale nell’espletamento dei compiti di istituto.

Al termine della riunione il Provveditore ha assunto l’impegno di approfondire la questione della pianta organica del carcere di Rossano, nonché di avviare la formazione del personale per l’applicazione del manuale operativo per la gestione degli eventi critici.

Infine, i rappresentanti sindacali, nel ringraziare per l’attenzione ricevuta, hanno richiesto al Prefetto di farsi portavoce presso il competente Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia delle criticità prospettate nel corso della riunione per chiedere l’adozione dei necessari provvedimenti a tutela dei lavoratori.