Attualità

Nuove metodologie dell’apprendimento, al via “Skill for Life”

CATANZARO – Ha preso avvio il progetto interistituzionale “Skill for Life”, che vede coinvolti la Regione Calabria, la Questura di Catanzaro, l’Azienda Sanitaria Provinciale e la Direzione Scolastica Regionale, che cooperativamente mettono a disposizione specifiche risorse e competenze. Durante la presentazione del progetto, al quale è intervenuto anche il Vicepresidente della Giunta regionale Antonio Viscomi, si sono susseguiti gli interventi dei rappresentati delle Istituzioni. “Skill for Life”, secondo la logica di “rete integrata”, si concretizza in un percorso formativo incentrato sulla metodologia attiva dell’apprendimento in cinque step,  curati da Annamaria Bruni,  psicoterapeuta dell’ASP, al quale partecipano un gruppo di insegnanti degli Istituti scolastici del capoluogo e della provincia. Viscomi ha ricordato le ragioni profonde che hanno convinto la Regione a partecipare e a sostenere il progetto “Skill4Life”. «Il primo compito della politica e delle istituzioni in Calabria – ha dichiarato il Vcepresidente -, a tutti i livelli, è di contribuire a ricostruire un clima di fiducia sociale e istituzionale, di promuovere relazioni positive tra istituzioni e cittadini, di proporre modelli operativi e di comportamento tali da evidenziare in modo chiaro ed evidente che ciò che vale e che ripaga è solo il rispetto delle regole e l’abbandono di atteggiamenti violenti, aggressivi e molesti. Il progetto  che oggi prende avvio è per me solo un tassello di una più ampia azione che reputo necessaria per ricostruire la rete delle relazioni nella comunità, che è composta di uomini, lavoro, emozioni. Ascoltare se stessi per ascoltare gli altri; rimettere al centro della comunità la personaper sentirsene parte; promuovere il benessere socio relazionale a scuola e la convivenza civile attraverso la formazione dei docenti, sperimentare un corso ed un modello di formazione sull’intelligenza emotiva estendibile e replicabile, implementare le competenze dei docenti nell’educare alle emozioni gli studenti: questi gli obiettivi della sperimentazione che oggi trova inizio e che speriamo di poter replicare presto, dopo una attenta valutazione sugli esiti, anche su tutto il territorio regionale”».

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top