Attualità

Reggio Calabria, in segno di protesta i centri dialisi iniziano i trattamenti in ritardo

REGGIO CALABRIA – È iniziato con mezzora di ritardo, per protesta, in tutti i centri dialisi della provincia di Reggio, il trattamento salvavita dei pazienti. A darne notizia è il segretario regionale dell’Aned, Pasquale Scarmozzino.
«La totale adesione alla protesta – afferma Scarmozzino – si è resa necessaria per l’insipiente azione della Asp reggina, del Dipartimento regionale Tutela della Salute e per la latitanza della politica sollecitata invano negli ultimi quattro anni dalla nostra associazione». In particolare l’Aned rileva «l’insufficienza di posti rene artificiali al punto da costringere i reggini della città e della provincia a emigrare, letti bilance rotti in alcuni centri, carenza di organico medico ed infermieristico e assenza di convenzione per trasporto dializzati non deambulanti o impossibilitati, scaricando oneri economici e sociali sulle famiglie dei pazienti». Inoltre si sottolineano il «ritardo irregolare ed incomprensibile di rimborsi viaggi e i problemi per la dialisi turistica».

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top