Cronaca

Trebisacce, arrestato il sindaco e sospesi 2 dipendenti. 18 indagati

TREBISACCE (CS) – Nella mattinata odierna, i Finanzieri della Compagnia di Sibari, nell’ambito di indagini delegate da questa Procura della Repubblica, hanno eseguito un’Ordinanza applicativa di misure cautelari personali – emessa dal G.I.P. del Tribunale di Castrovillari, Dott. Simone FALERNO, su richiesta del Pubblico Ministero titolare delle indagini, Dott. Luca PRIMICERIO – nei confronti del Sindaco del Comune di Trebisacce (Franco Mundo classe 1961, tratto agli arresti domiciliari) e di nr.2 dipendenti del citato Ente locale (A.T. classe 1966 e M.C. classe 1973, destinatari di misura interdittiva della sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio o servizio, rispettivamente di tre e sei mesi).

Le indagini trovano origine dagli accertamenti espletati dalle Fiamme Gialle nell’ambito della procedura di gara in “Project Financing”, relativa all’aggiudicazione del contratto di concessione, di progettazione, costruzione e gestione dell’autostazione di Trebisacce, in occasioni dei quali sono emersi indizi di reità nei confronti di alcuni degli odierni indagati, tra cui il predetto Sindaco, risultato, al tempo candidato all’elezione del Presidente della Giunta Regionale e del Consiglio Regionale della Calabria tenutasi il 28.01.2020.

Voti illeciti

Intimidazioni e abuso di potere

Nel corso delle ulteriori indagini delegate, sono emersi, altresì, gravi indizi di reato nei confronti del Sindaco relativamente ad una vicenda concussiva: il primo cittadino, infatti, al fine di favorire un privato che occupava, abusivamente, una porzione demaniale del Torrente Pagliara di Trebisacce, abusando della qualità di Sindaco e dei poteri connessi alla carica, ha costretto il direttore dei lavori pubblici affidati dal Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini dello Jonio Cosentino, relativi alla regimazione del Torrente e rinforzo degli argini, a deviare il tracciato dei lavori rispetto a quello previsto in progetto, minacciandolo, fra l’altro, che, se non lo avesse fatto, avrebbe bloccato con Ordinanza i lavori.

A tal fine, sono tuttora in corso di esecuzione 26 provvedimenti di sequestro, relativi ad altrettanti lotti, da parte dei Carabinieri Forestale del NIPAAF, supportati dai militari delle Stazioni CC Forestali di Acri, Castrovillari, Corigliano, Rossano, Oriolo e San Sosti, al fine di debellare il fenomeno delle occupazioni abusive che insiste prepotentemente sui terreni demaniali del Torrente Pagliara. 18 sono i nominativi iscritti nel registro degli indagati a cui, a vario titolo, le Fiamme Gialle di Sibari hanno notificato l’Informazione di Garanzia, per le ipotesi di reato di peculato (art. 314, comma 1, C.P.), concussione (art. 317 C.P.), truffa a danno di Ente locale (art. 640, comma 2 n. 1 C.P.), falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 C.P.) e formazione e/o uso di schede e atti falsi disciplinati dal Testo Unico delle Leggi per la Composizione e la Elezione degli Organi delle Amministrazioni Comunali, destinati alle operazioni elettorali (art. 90, comma 3, del D.P.R. n. 570 del 16.05.1960).

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com