Cultura&Spettacolo

A Settembre Parte il Progetto Leonardo Patrocinato dall’Amministrazione Comunale

COSENZA – Partiranno ufficialmente il 29 settembre prossimo a Cosenza, al Museo dei Brettii e degli Enotri, le manifestazioni del “Progetto “Leonardo”, promosso dall’Associazione culturale “Forum Telesiano” e patrocinato dall’Amministrazione comunale e dalla Regione Calabria. Ne ha dato notizia l’Assessore alla Comunicazione, al Teatro, eventi e spettacoli Rosaria Succurro.

Il “Progetto Leonardo”, presentato a grandi linee nel giugno scorso al Museo dei Brettii e degli Enotri, nasce dall’esigenza di creare, attorno al sempre crescente interesse per il Genio di Vinci, una serie di eventi culturali legati alla figura di Leonardo, sulla scia della nuova attenzione suscitata dal libro, “Il calice svelato nell’Ultima Cena di Leonardo”, di cui è autore Gabriele Montera (Presidente dell’Associazione “Forum Telesiano”)  e pubblicato da Prodinnova Editrice.

Il Progetto si articolerà in due fasi: la prima avrà inizio il 29 settembre e si concluderà a fine dicembre ed è da considerarsi propedeutica alla seconda fase che partirà, invece, il 29 dicembre per poi svilupparsi nel 2014.

Nella prima fase, denominata “Aspettando Leonardo”, il programma prevede una serie di incontri con studiosi di tematiche leonardesche. Il primo degli incontri è previsto per domenica 29 settembre ed avrà come protagonista lo storico della scienza Mario Taddei che si soffermerà sul Leonardo dell’analisi storico-artistica. Sempre il 29 settembre sarà inaugurata la mostra fotografica di Fabrizio Garghetti su “L’Ultima Cena di Andy Warhol”. Gli eventi proseguiranno anche nel mese di ottobre. Sono stati invitati Franco Piperno (docente di struttura della materia all’Università della Calabria) e Massimo Corbucci, fisico nucleare e medico, per dibattere sul tema “Leonardo e gli outsider dell’indagine scientifica”. Sempre in ottobre sarà proiettato il film “La particella di Dio” di Massimo Corbucci, tratto dal libro “Alla scoperta della particella di Dio”, dello stesso autore. Domenica 10 novembre il Progetto Leonardo ospiterà, sempre al Museo dei Brettii e degli Enotri,  un incontro sul Leonardo della Musica, con la partecipazione della musicologa Giovanna Motta, direttrice dell’ensemble “Adelchi” di Milano, e del maestro liutaio Michele Sangineto (che opera a Monza, ma che è originario di Albidona)  che esporrà  gli strumenti musicali rinascimentali di sua realizzazione.

Altra anticipazione del programma del Progetto Leonardo è l’incontro di domenica 1 dicembre, sul tema “Leonardo e la Divina Proporzione”, con il biologo, scrittore e simbolista Giovanni Pelosini. Con l’occasione saranno esposte riproduzioni di testi del rinascimento, la scacchiera del Pacioli e la penna stilografica di Leonardo realizzata da Amerigo Bombara. Il 22 dicembre la prima fase del progetto sarà conclusa da un incontro sul Leonardo esoterico cui parteciperanno lo scrittore Gianfranco Carpeoro e l’esoterista Michele Proclamato. Seguirà l’inaugurazione della riproposizione virtuale in HD dell’Ultima Cena di Leonardo nella sala delle videoproiezioni del Museo dei Brettii.

Il progetto entrerà nel vivo con l’inizio della seconda fase, aperta, il 29 dicembre, dalla mostra delle macchine di Leonardo, circa 30 esemplari, tutti in legno, di proprietà del World Wide Museum Activities, il Museo Leonardo da Vinci di Firenze e che si potranno ammirare per l’occasione al Museo dei Brettii e degli Enotri di Cosenza.

La seconda fase, denominata “Da Vinci a Cosenza, attraversando Milano”, sarà dedicata ad un’ulteriore conoscenza dell’attività di Leonardo a Milano, che verrà considerata anche per il suo ruolo di capitale economica d’Italia. Leonardo, esponente della cultura universale, diviene strumento per avanzare nuove e concrete proposte indirizzate verso la concezione della cultura come momento fondamentale e trainante dell’economia. Di qui il coinvolgimento negli eventi del Progetto Leonardo anche di un gruppo di illustri economisti che esporranno teorie idonee a far sì che la cultura possa diventare il vero motore di un’economia umana, nel rispetto degli equilibri naturali.

Accanto a personalità di spicco del mondo dell’arte e studiosi di Leonardo come Fritjof Capra, Carlo Pedretti e Alessandro Vezzosi, sono stati invitati dal Comitato Scientifico del Progetto anche alcuni importanti economisti come Otto Bitjocka, Pierangelo Dacrema e Paul de Sury.

“La città di Cosenza – ha detto l’Assessore alla comunicazione e agli eventi Rosaria Succurro – si appresta ad accogliere le manifestazioni del Progetto Leonardo, certa dell’indubbio valore dell’iniziativa che riaccende i riflettori su una delle personalità più intriganti del mondo dell’arte, della scienza e della cultura in genere. Ospitare i diversi aspetti delle manifestazioni leonardesche è per Cosenza, primo capoluogo di provincia del Meridione ad intercettare la mostra sulle macchine del Genio di Vinci, non solo motivo di orgoglio, ma anche di particolare interesse, per lo spessore degli ospiti che interverranno e per le suggestioni e gli approfondimenti che una manifestazione di tale portata potrà innescare.”

I motivi che stanno alla base della scelta di proporre la mostra e gli altri eventi del Progetto Leonardo a Cosenza li spiega Gabriele Montera, Presidente dell’Associazione “Forum Telesiano”. “Probabilmente – afferma Montera – non ce rendiamo conto, ma Cosenza ha uno spirito che si ricollega a Leonardo. Cosenza è stata la culla di un vero e proprio rinascimento sfociato nell’opera di Bernardino Telesio e questo spirito, ancora non completamente compreso, si riannoda a quello del rinascimento italiano. E’ un modo per poter dare ulteriore vigore alla nostra eredità culturale.”

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top