Cultura&Spettacolo

Fabrizio Costa ritorna con lo spettacolo “Time”. Quando la danza ci insegna che non servono le parole (Video)

481893_10200233454063676_322988576_nCOSENZA – Dopo due anni di assenza il coreografo Fabrizio Costa, con al seguito la sua compagnia “Millennium DanceGroup”, ritorna a Cosenza con un nuovo spettacolo. Ancora una volta il richiamo della propria terra tuona prepotente, la Calabria ruggisce e come sempre Fabrizio risponde senza mai deludere le aspettative. È proprio in questi momenti che lo iato tra il posto in cui vivono gli affetti ed il luogo in cui ci si è trasferiti per lavoro si assottiglia diventando quasi nullo, impercettibile, invisibile.

Dopo Glee e DanceBook Fabrizio riporta la sua arte nella sua terra natia mettendo a disposizione degli spettatori la sua creatività e il suo estro coreografico perché, si sa, la danza è condivisione oltre che pura ed esilarante magia.

La compagnia “Millennium DanceGroup”, fondata insieme a Davide Zimey, calcherà il palco del teatro dell’Acquario sabato 14 marzo 11020275_10206211319826584_247875870_ncon il nuovo spettacolo “Time” (trailer della coreografia). Le “tavole” sfiorate dai ballerini professionisti si trasformeranno, così, in una vera e propria macchina del tempo per un viaggio tra passato presente e futuro, tra ciò che è stato, ciò che è e ciò che potrà essere.

Si tratta di un viaggio alla riscoperta della nostra storia che spiega e giustifica il nostro essere al mondo, le conquiste di cui siamo stati capofila, le sconfitte di cui spesso e volentieri siamo diventati protagonisti indiscussi.

Le nostre radici vengono così narrate attraverso il movimento del corpo ed i virtuosismi di cui ogni ballerino è capace. Non servono parole per definire ciò che siamo stati basta il gesto, la mimica, la leggiadra movenza di cui solo un danzatore percepisce il peso, l’importanza, la pienezza di senso.

Tra le musiche di Ravel, Beethoven, Gershwin fino a quelle più attuali di Einaudi, Lady Gaga, Beyoncè la compagnia disegnerà un percorso che gli spettatori dovranno intraprendere; tante strade, mille svincoli ed altrettante deviazioni perché ognuno è libero di scegliere il modo in cui ripercorrere la propria storia e la propria eredità.

Si parte dal big bang, si dà uno sguardo alle antiche civiltà, all’impero romano, al Medievo, si passa per il Novecento e si giunge ai giorni nostri per poi volgere lo sguardo verso quello che non c’è e che si può solo immaginare. Durante il viaggio, infatti, la navicella subirà una deviazione che punterà verso mete sconosciute diventando facile bersaglio della bruta Apocalisse.

La storia rivive così a ritmo di musica e passi di danza e, qualunque sia il nostro destino, ci basta sapere che tutto è vita, anche la nostra morte, anche la nostra fine.

Annabella Muraca

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com