Cultura&Spettacolo

Giò Di Tonno a ‘Lumen calabriae’. Formazione e musica s’incontrano

Credo che giornate come questa siano importanti perché molto formative e perché sono occasioni di scambio e di confronto, innanzitutto con una persona di esperienza ventennale che ha praticato tutti 11292668_10205719040448578_43783389_ngli ambiti dello spettacolo e poi tra i cantanti stessi. C’è possibilità di crescita, di capire meglio alcune dinamiche del settore”. Con queste parole Giò Di Tonno ha fatto il punto sul seminario organizzato dall’associazione Muse per i ragazzi che stanno partecipando alla kermesse canora ‘Lumen calabriae’.

 
Lo stage si è svolto lo scorso 28 maggio presso il Teatro S. Eufemia a Lamezia Terme e ha coinvolto tutti i giovani talenti che la giuria itinerante di Muse ha selezionato in tutta la Calabria nelle settimane precedenti. Dei 20 ragazzi arrivati in semifinale, Giò Di Tonno, coach d’eccezione per questa nuova edizione, ne ha scelti 10 che andranno dritti dritti alla finale del prossimo 11 luglio, sempre nella città della Piana.

 
I 20 ragazzi hanno avuto modo di conoscere un artista del calibro di Di Tonno, fenomenale Quasimodo ma con all’attivo decine di performance di qualità e spessore. L’esperienza dell’artista è stata messa letteralmente al servizio dei giovani concorrenti di ‘Lumen calabriae’ che ne hanno fatto tesoro e sicuramente ne serberanno gli insegnamenti utili per qualsiasi strada decideranno d’imboccare in campo11188224_10205713258144024_731408744760536276_n artistico.

 
Sul punto è intervenuta anche la presidente dell’associazione culturale Mise, Valentina Tedesco, vero cuore pulsante dell’intera manifestazione. Da mesi il numero uno di Muse e i suoi attivi collaboratori si stanno dando da fare affinché anche per quest’anno ‘Lumen calabriae’ possa garantire i medesimi livelli qualitativi delle passate edizione, se non addirittura migliorarli. Proprio per tale ragione abbiamo chiesto alla Tedesco quale sia, a suo parere e leggendo i primi riscontri, il bilancio dell’avventura ‘Lumen calabriae’ 2015.

 
Finora il bilancio è positivo”, ha esordito il presidente di Muse. “Avere alle selezioni 40 ragazzi e portarne 20 in semifinale in seguito al giudizio di un artista come Giò Di Tonno, e tenendo altresì presente che si tratta di giovani con belle voci, per noi non può che essere motivo di orgoglio! Abbiamo dato modo a queste voci calabresi di essere ascoltate e di esser ritenute interessanti”. La soddisfazione è quindi palpabile, sintomatica anche del fatto che l’esperienza del 28 maggio non è risultata fine a se stessa, anzi avrà ben presto dei risvolti positivi sia per Muse che per i ragazzi di ‘Lumen calabriae’. Valentina Tedesco ha infatti svelato che anche alla finale del prossimo 11 luglio sarà presente Giò Di Tonno nelle vesti di presidente di giuria, al cui fianco siederà un altro nome importante che farà alzare le aspettative per la serata.

 
Passando poi ai ragazzi, veri protagonisti dell’evento, dopo lo step della semifinale i dieci giovani talenti passati in finale sono Raffaele Renda, Martina Sorbaro, Antonio Vairo, Francesco Di Cello, Francesca Lupis, Pamela Mercante, Morena Macrì, Federica Perrone, Anna Rizzo e Azzurra Aiello. Tutte voci splendide, come ha sottolineato anche Valentina Tedesco, giovani talentuosi provenienti dalle città di tutta la Calabria.

 
Tali voci, identitarie di un territorio regionale vasto e denso di differenze, rappresentano inoltre lo specchio del cammino di Muse e del concorso ‘Lumen calabriae’, la cui finale ci attende ora per regalarci ancora nuove canzoni, nuove emozioni… e magari nuovi e futuri successi.

 

 

Daniela Lucia

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com